Le azioni asiatiche si sono fermate al di sotto dei massimi di sette mesi lunedì, mentre gli investitori attendevano i dati sull'inflazione provenienti da Stati Uniti, Giappone ed Europa, che contribuiranno a perfezionare le aspettative sulle future mosse dei tassi.

La misura dell'inflazione preferita dalla Federal Reserve - l'indice dei prezzi delle spese per consumi personali (PCE) core - è prevista per giovedì e le previsioni sono per un aumento dello 0,4%.

Non molto tempo fa gli investitori speravano in un aumento dello 0,2%, ma le letture elevate dei prezzi al consumo e alla produzione suggeriscono che il rischio è di un risultato dello 0,5%.

I mercati hanno già anticipato la probabile tempistica di un primo allentamento della Fed da maggio a giugno, che attualmente è valutata intorno al 70% di probabilità. I futures implicano un po' più di tre tagli da un quarto di punto quest'anno, rispetto ai cinque di inizio mese.

Questa settimana sono previsti almeno 10 oratori della Fed, che probabilmente ripeteranno il loro mantra di rimanere cauti sui tassi. Venerdì è previsto il sondaggio manifatturiero ISM e i PMI della Cina.

Nonostante la svolta da falco, Wall Street è riuscita a raggiungere nuovi massimi, grazie agli enormi guadagni della diva dell'AI Nvidia, che ha aggiunto 277 miliardi di dollari di valore di mercato la scorsa settimana.

"Questo potrebbe essere un catalizzatore non solo per far sì che la strada diventi materialmente più rialzista sulle azioni statunitensi, ma anche per vedere un ulteriore disaccoppiamento tra azioni e rendimenti, dal momento che i Mag7 stanno dimostrando di soddisfare le aspettative di guadagno indipendentemente dall'ambiente dei tassi di interesse", hanno scritto gli analisti di JPMorgan in una nota, riferendosi ai cosiddetti "Magnifici Sette", i titoli tecnologici più importanti.

Lunedì, i futures dell'S&P 500 e del Nasdaq erano entrambi in ribasso dello 0,2%. I futures dell'EUROSTOXX 50 e quelli del FTSE sono scesi entrambi dello 0,2%.

L'indice più ampio di MSCI delle azioni dell'area Asia-Pacifico, al di fuori del Giappone, è sceso dello 0,3%, dopo essere salito dell'1,7% la scorsa settimana ai massimi di sette mesi.

Questi guadagni passati sono stati aiutati in gran parte dal rally delle azioni cinesi, che hanno fatto un balzo di quasi il 10% in altrettante sessioni, grazie alle speranze di uno stimolo più aggressivo. Le blue chip sono scese dello 0,5% lunedì. Il Nikkei giapponese è salito dello 0,3%, dopo essere salito dell'1,6% la scorsa settimana per superare il suo precedente record, mentre i tori cercano di testare la barriera delle 40.000 unità.

INFLAZIONE, SEMPRE

I dati sui prezzi al consumo giapponesi saranno pubblicati martedì e si prevede che l'inflazione core sia rallentata all'1,8% a gennaio, il valore più basso dal marzo 2022.

Un risultato debole rafforzerebbe la tesi contro una stretta da parte della Banca del Giappone, anche se i responsabili politici sembrano contare sull'aumento dei salari per giustificare la fine dei tassi negativi a marzo o ad aprile.

I dati sull'inflazione nell'Unione Europea sono attesi per venerdì, con il core nuovamente visto in rallentamento al minimo dall'inizio del 2022, al 2,9%, avvicinando il giorno in cui la Banca Centrale Europea potrebbe allentare la politica.

I mercati sono quasi completamente prezzati per un primo taglio a giugno, mentre aprile è visto come una possibilità del 36%.

Il capo della BCE Christine Lagarde parlerà più tardi lunedì, così come il capo economista della Banca d'Inghilterra.

Tra l'altro, la Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) terrà la sua prima riunione politica dell'anno mercoledì e c'è qualche possibilità che possa effettivamente aumentare i tassi, vista l'inflazione ostinata, anche se il Paese è probabilmente scivolato in recessione nel quarto trimestre.

Il cambiamento dei prezzi della Fed ha visto i rendimenti del Tesoro toccare i massimi di tre mesi la scorsa settimana, anche se le obbligazioni sono riuscite a recuperare venerdì. Il mercato dovrà affrontare una prova difficile nel corso della sessione, quando il Tesoro venderà 127 miliardi di dollari di titoli a due e cinque anni, con altri 42 miliardi di dollari di titoli a sette anni in scadenza martedì.

C'è anche il rischio che alcune agenzie governative statunitensi vengano chiuse se il Congresso non riesce a trovare un accordo su una proroga dei prestiti entro venerdì.

Nei mercati valutari, l'aumento dei rendimenti obbligazionari a livello globale è stato un peso per lo yen, che ha toccato minimi plurimensili sull'euro e un minimo di nove anni sul dollaro australiano e neozelandese.

All'inizio di lunedì, l'euro si è attestato a 162,74 yen, appena al di sotto del picco di 163,45, mentre il dollaro si è fermato a 150,39 yen, appena al di sotto del picco di 150,88.

La moneta unica era ferma a 1,0820 dollari, dopo aver toccato brevemente il massimo di 1,0889 dollari la scorsa settimana.

Nei mercati delle materie prime, l'oro è stato un po' più debole a 2.032 dollari l'oncia, dopo aver registrato una crescita dell'1,4% la scorsa settimana.

I prezzi del petrolio si sono abbassati a causa delle preoccupazioni sulla domanda, in particolare dalla Cina, che hanno superato i rischi di approvvigionamento dal Medio Oriente.

Il Brent è sceso di 40 centesimi a 81,22 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è sceso di 37 centesimi a 76,12 dollari al barile.