La Corea del Sud venerdì ha imposto sanzioni a sette persone nordcoreane e a due navi russe per il commercio di armi e altre attività tra Pyongyang e Mosca ritenute in violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha dichiarato il Ministero degli Esteri di Seul.

Le navi russe hanno trasportato una grande quantità di container tra la Russia e la Corea del Nord, trasportando forniture militari in una chiara violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha dichiarato il ministero in un comunicato.

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno accusato la Corea del Nord di trasferire armi alla Russia per utilizzarle nella sua guerra in Ucraina. Sia Mosca che Pyongyang hanno negato le accuse, ma l'anno scorso hanno promesso di approfondire le relazioni militari.

Secondo il Ministero degli Esteri della Corea del Sud, un individuo nordcoreano che rappresenta un'azienda controllata dallo Stato con sede in Siria ha condotto trattative per promuovere il commercio di armi con un russo del Gruppo Wagner tra il 2022 e il 2023, citando un rapporto annuale del gruppo di esperti delle Nazioni Unite che monitora lo Stato recluso.

Un'altra persona presso un'azienda con sede in Russia è stata coinvolta nell'introduzione di gasolio dalla Russia in Corea del Nord, ha detto il Ministero, accusando entrambe le persone di aver violato le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Altri cinque nordcoreani hanno contribuito a raccogliere fondi per sostenere lo sviluppo dei programmi nucleari e missilistici del Paese, guadagnando valuta estera come lavoratori IT, secondo la dichiarazione.

Il mese scorso la Russia ha definito le sanzioni della Corea del Sud contro individui ed entità russe come una "mossa ostile" e ha avvertito che avrebbe risposto a tempo debito.

All'inizio di quest'anno, il gruppo di esperti delle Nazioni Unite che monitora le sanzioni sulla Corea del Nord non è riuscito ad estendere il suo mandato a seguito del veto di Mosca, spingendo gli Stati Uniti e i suoi alleati a cercare delle alternative.