I futures sui maiali magri sono saliti al Chicago Mercantile Exchange venerdì dopo essere scesi ai minimi del contratto, sotto la pressione dell'aumento della produzione statunitense.

Anche i futures sui bovini sono saliti.

Un aumento dei prezzi all'ingrosso della carne di maiale statunitense ha contribuito a innescare l'inversione di tendenza dei maiali, hanno detto gli analisti. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha fissato il prezzo del ritaglio di carcassa di maiale a 101,35 dollari per peso (cwt), con un aumento di 4,33 dollari rispetto a giovedì. Le pancette di maiale sono salite di 16,58 dollari, dopo una settimana di scambi volatili.

"Abbiamo toccato i minimi del contratto e siamo risaliti fino alla chiusura", ha detto Austin Schroeder, analista di Brugler Marketing & Management.

I maiali di luglio del CME hanno chiuso in rialzo di 0,875 centesimi a 93,650 centesimi per libbra, dopo essere scesi in precedenza a 90,4 centesimi, il livello più basso dal 4 gennaio. Il contratto ha chiuso in rialzo di circa lo 0,2% per la settimana, dopo essere sceso nelle sette settimane precedenti.

I futures differiti, compresi i contratti di agosto, ottobre e dicembre, hanno segnato i minimi del contratto.

Le abbondanti forniture statunitensi e le vendite tecniche hanno pesato sui prezzi prima che il mercato si riprendesse, hanno detto gli analisti. I produttori di carne hanno macellato circa l'1% in più di maiali quest'anno rispetto all'anno scorso e gli allevatori stanno aumentando il peso dei maiali, secondo i dati del governo statunitense.

Nei mercati bovini del CME, i futures sono aumentati grazie ai forti prezzi in contanti, hanno detto gli operatori. Il bestiame in contanti giovedì è stato scambiato a circa $186 per cwt nel sud, con un aumento di circa $1 rispetto alla settimana scorsa, e a circa $193-$194 per cwt nel nord, con un aumento di circa $3-$4 rispetto alla settimana scorsa, hanno detto.

Anche i prezzi della carne di manzo in scatola sono aumentati, con i tagli a scelta a 319,89 dollari per carcassa, con un aumento di 1,58 dollari rispetto a giovedì, e i tagli selezionati con un aumento di 4,56 dollari a 303,81 dollari per carcassa, secondo l'USDA.

"Il contante è il re in questo momento per il bestiame", ha detto Schroeder.

I bovini vivi di agosto del CME sono saliti di 3,675 centesimi a 183,175 centesimi per libbra, raggiungendo il livello più alto dal 21 marzo. Il contratto ha guadagnato circa il 3,4% per la settimana.

I bovini da carne del CME di agosto sono saliti di 4,5 centesimi per terminare a 261,975 centesimi per libbra e sono aumentati del 2,8% circa per la settimana. (Relazioni di Tom Polansek a Chicago; Redazione di Alan Barona)