FRANKFURT (dpa-AFX) - La performance da record di molte società del DAX è terminata per il momento nel terzo trimestre: Per la prima volta dal secondo trimestre del 2020, rallentato dalla pandemia di coronavirus, i principali attori del mercato azionario hanno dovuto accettare nuovamente cali complessivi delle vendite e degli utili, come calcolato dalla società di consulenza EY.

Secondo i dati di EY pubblicati giovedì, il fatturato delle aziende della prima Lega Borsen tedesca si è ridotto di poco meno del cinque per cento rispetto all'anno precedente, attestandosi a circa 436 miliardi di euro nel periodo compreso tra luglio e settembre 2023. Gli affari negli Stati Uniti e in Asia sono stati particolarmente deboli. L'utile operativo (EBIT) è sceso di ben l'11% a 39,2 miliardi di euro, ma ha comunque raggiunto la seconda cifra più alta mai raggiunta in un terzo trimestre.

"Le aziende tedesche più importanti risentono sempre più degli effetti del vento contrario dell'economia globale", ha analizzato Henrik Ahlers, presidente del consiglio di amministrazione di EY. "Abbiamo un pericoloso mix di economia fiacca, prezzi elevati dell'energia e dei materiali, difficoltà di consegna, crisi politiche e conflitti armati".

Ma anche molte aziende con affari migliori

Tuttavia, non tutte le aziende e tutti i settori sono colpiti allo stesso modo: In termini di fatturato, 15 delle 38 società del DAX i cui dati sono stati inclusi nell'analisi hanno registrato un aumento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'aumento percentuale maggiore è stato registrato dal gruppo di armamenti Rheinmetall con un buon 24%.

In termini di utile operativo, 16 delle società dell'indice azionario tedesco hanno registrato un aumento su base annua nel terzo trimestre. Secondo l'analisi di EY, Deutsche Telekom è stata la prima con ben 5,4 miliardi di euro. Le case automobilistiche Volkswagen, Mercedes-Benz e BMW seguono nella classifica con profitti operativi di ben oltre quattro miliardi di euro ciascuna.

Nonostante le prospettive generalmente incerte, continua l'aumento dell'occupazione: Secondo i dati di EY, nel terzo trimestre il numero di dipendenti delle 28 società DAX di cui erano disponibili i dati è aumentato complessivamente dell'1,6%, raggiungendo ben 3,3 milioni, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente./ben/DP/jha