(Reuters) - L'incertezza su quanto a lungo la Federal Reserve potrà mantenere elevati i tassi di interesse pesa sui futures sugli indici azionari statunitensi, mentre gli investitori rimangono cauti in attesa di una serie di dati importanti che potrebbero aiutare a decifrare lo stato dell'economia.

Le megacap come Alphabet, Microsoft e Nvidia scivolano tra lo 0,3% e lo 0,9% nelle contrattazioni premarket, mentre il rendimento dei Treasury si attesta sopra il 4,5% per il secondo giorno, il massimo dalla prima settimana di maggio.

L'aumento dei rendimenti dei titoli di stato riflette tipicamente le aspettative di un incremento dei tassi d'interesse, che a sua volta si traduce in finanziamenti più costosi e minori margini di profitto per le aziende.

In cima alla lista dei dati sotto osservazione c'è la seconda stima del prodotto interno lordo per il primo trimestre, in agenda per le 14,30 italiane. Secondo un sondaggio Reuters, la prima economia del mondo ha registrato un'espansione dell'1,3%, leggermente inferiore all'1,6% stimato in precedenza.

Sono previsti anche i dati sulle richieste di disoccupazione, che dovrebbero mostrare che il numero di americani che hanno richiesto il sussidio statale si è attestato a 218.000, rispetto ai 215.000 registrati la settimana precedente.

L'S&P 500 è indirizzato a registrare il maggior calo settimanale delle ultime sei settimane, mentre ieri il Dow ha chiuso ai minimi di quattro settimane.

I segnali di una persistente pressione sui prezzi hanno spinto la maggioranza delle previsioni di mercato per almeno un taglio dei tassi da 25 punti base verso gli ultimi due mesi dell'anno, secondo lo strumento FedWatch del Cme Group.

Un sondaggio della banca centrale ha segnalato che l'attività economica ha continuato a espandersi dall'inizio di aprile fino a metà maggio, ma le imprese sono diventate più pessimiste sul futuro, dato l'indebolimento della domanda e l'inflazione che ha continuato a crescere a un ritmo modesto.

I dati sulla spesa per consumi personali di aprile - l'indicatore preferito dalla Fed per misurare l'inflazione, in agenda per domani - potrebbe influenzare le scommesse sulla tempistica del primo taglio della banca centrale.

Anche i commenti 'hawkish' dei banchieri centrali hanno raffreddato il sentiment di rischio e oggi gli operatori valuteranno i commenti del presidente della Fed di New York John Williams e del presidente della Fed di Dallas Lorie Logan.

Intorno alle 12,30, i futures sul Dow sono in calo di 333 punti, o dello 0,86%, quelli sull'S&P di 24 punti, o dello 0,45%, e quelli sul Nasdaq di 76,5 punti, o dello 0.41%.

Salesforce ha previsto utili e ricavi del secondo trimestre inferiori alle stime di Wall Street a causa della debolezza della spesa dei clienti per i suoi prodotti cloud e per le imprese, facendo crollare il titolo di oltre il 15,5%.

American Eagle Outfitters cala dell'8,5% dopo che il retailer ha registrato ricavi trimestrali deludenti a causa dell'inflazione che ha danneggiato la domanda di abbigliamento e accessori, spesso venduti a prezzo pieno.

Una stagione delle trimestrali ampiamente migliore del previsto ha protetto il sentiment del mercato e gli investitori attendono i risultati di Best Buy, Dollar General e Kohl's prima dell'avvio delle contrattazioni.

Moderna guadagna il 3,6% dopo indiscrezioni stampa secondo cui il governo statunitense sarebbe vicino a un accordo per il finanziamento di una fase avanzata di sperimentazione del vaccino contro l'influenza aviaria.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Sabina Suzzi)