1. Home
  2. Indici
  3. Regno Unito
  4. Great Britain
  5. FTSE 100
  6. Notizie
  7. Riassunto
    UKX   GB0001383545

FTSE 100

(UKX)
Tempo differito Great Britain  -  17:35 01/07/2022
7168.65 PTS   -0.01%
Dopo chiusura
 0.00%
7168.65 PTS
01/07Le azioni europee sono miste alla chiusura di venerdì, dopo che l'inflazione dell'Eurozona ha raggiunto un nuovo record.
MT
01/07Le borse europee oscillano a mezzogiorno sulle prospettive di recessione e inflazione
MT
30/06I titoli europei chiudono al ribasso giovedì per i continui timori sull'inflazione
MT
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieDerivatiHeatmapComposizione 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueNotizie dei componenti dell'indice

Azioni in rialzo, rendimenti statunitensi al 3% mentre i mercati si preparano al rialzo della Fed

03-05-2022 | 23:04
Traders work on the floor of the NYSE in New York

Le azioni mondiali sono salite martedý e i rendimenti del Tesoro decennale statunitense si sono mantenuti sopra il 3% mentre gli investitori si preparavano al pi¨ grande aumento dei tassi della Federal Reserve dal 2000.

In una settimana intensa per le riunioni delle banche centrali, la banca centrale australiana ha aumentato il suo tasso chiave di 25 punti base più del previsto martedì, sollevando il dollaro australiano fino all'1,3% e colpendo le azioni locali.

Giovedì ci si aspetta che la Banca d'Inghilterra alzi i tassi per la quarta volta di fila.

Il benchmark di MSCI per le azioni globali ha guadagnato lo 0,1% alle 0813 GMT mentre le azioni europee sono salite dopo essere sopravvissute ad un "flash crash" lunedì causato da un singolo ordine di vendita di Citigroup.

Il benchmark azionario paneuropeo STOXX 600 è salito dello 0,8%, rimbalzando dalle perdite di lunedì con un rally guidato dal settore tecnologico a Wall Street e sostenuto da rapporti di guadagni positivi e guadagni nei titoli bancari che seguono rendimenti obbligazionari più alti.

"Questi sono piccoli sprazzi di sole nei mercati. Lo scenario più ampio però non è incoraggiante", ha detto Enrico Vaccari, responsabile delle vendite istituzionali di Consultinvest a Milano.

"Anche se c'è spazio per un rally dei mercati azionari da livelli di ipervenduto, a lungo termine i venti contrari sono troppi, semplicemente perché la velocità dei rialzi dei tassi della Fed guiderà i movimenti del mercato azionario e soprattutto obbligazionario", ha aggiunto.

Nel Regno Unito, l'indice FTSE 100, che ha riaperto dopo un lungo weekend, è sceso dello 0,2%. In Francia, BNP è salita del 4% dopo che un forte aumento delle attività di trading ha aiutato il maggiore prestatore del paese a superare le aspettative di crescita degli utili.

In Asia, le azioni sono rimaste per lo più stabili negli scambi ridotti dalle vacanze, con i mercati di Cina e Giappone chiusi, ma a Hong Kong le azioni Alibaba sono scese fino al 9% sulle preoccupazioni per lo status del suo fondatore miliardario Jack Ma.

Un rapporto dei media statali secondo cui le autorità cinesi avevano preso provvedimenti contro una persona che si chiamava Ma ha colpito duramente le azioni, ma ha recuperato le perdite dopo che il rapporto è stato rivisto per chiarire che non si trattava del fondatore dell'azienda.

L'indice Hang Seng di Hong Kong è stato poco cambiato e il KOSPI della Corea del Sud è sceso dello 0,3%. L'indice S&P/ASX 200 dell'Australia è sceso dello 0,4% mentre la banca centrale ha aumentato i tassi e ha segnalato altri aumenti in futuro per contenere l'inflazione.

I futures azionari statunitensi sono aumentati, con entrambi gli e-minis Nasdaq e S&P 500 in rialzo di circa lo 0,4%.

Lunedì, Wall Street ha chiuso una sessione altalenante più alta poiché gli investitori hanno comprato azioni tecnologiche nell'ultima ora di trading tra le scommesse che erano state battute troppo in basso prima della riunione della Fed di questa settimana.

Gli investitori si aspettano che la Fed aumenti i tassi di 50 punti base alla fine di una riunione di due giorni mercoledì, anche se c'è stata incertezza su quanto il presidente Jerome Powell sembrerà falco nei commenti successivi alla decisione.

Circa 250 punti base di rialzi dei tassi entro la fine di quest'anno sono già prezzati dai mercati monetari, il che secondo alcuni analisti riduce la possibilità di sorprese hawkish questa settimana.

I rendimenti dei treasury statunitensi sono rimasti al di sopra del 3% nel commercio mattutino europeo, dopo aver superato lunedì quella pietra miliare psicologica chiave per la prima volta da dicembre 2018.

Il rendimento decennale di riferimento degli Stati Uniti ha aggiunto 2 punti base al 3,0025%.

Vaccari di Consultinvest ha detto che se i rendimenti decennali statunitensi dovessero raggiungere il 4%, ci sarebbe uno "spostamento molto forte verso le obbligazioni anche se questo rischio oggi sembra abbastanza lontano".

Il dollaro, che è stato sostenuto dall'acquisto di beni rifugio per le preoccupazioni sulle prospettive economiche, è rimasto appena sotto il massimo di quasi due decenni raggiunto in aprile e l'euro si è stabilizzato sopra il livello più basso in più di cinque anni raggiunto il mese scorso.

L'indice del dollaro era ultimo a 103,44, in calo dello 0,1% nella giornata. L'euro ha scambiato lo 0,1% a 1,0536 dollari.

RBA SI UNISCE AL CLUB

Altrove nei mercati valutari, il dollaro australiano è saltato dopo che la banca centrale ha aumentato il suo tasso di cassa di un sorprendente aumento di 25 punti base allo 0,35%, il primo aumento in più di un decennio. Ha anche segnalato altri aumenti dei tassi in arrivo mentre cala il sipario sul massiccio stimolo legato alla pandemia.

"La RBA si è unita al club, con un aumento dei tassi oggi che è stato un po' più grande di quanto ci aspettavamo. Il caso di iniziare a spostare la politica dalle impostazioni di emergenza era chiaro e la RBA ha risposto a questo", ha detto Jo Masters, capo economista di Barrenjoey a Sydney.

L'Aussie è salito dello 0,8% a 0,7107 dollari, dato che la maggioranza degli analisti in un sondaggio Reuters si aspettava un aumento solo dello 0,25%.

La sterlina britannica è salita, allontanandosi dai minimi di 22 mesi contro il dollaro mentre i commercianti prendevano profitti sulla recente impennata del biglietto verde in vista della riunione sulla politica della Banca d'Inghilterra.

La sterlina è salita dello 0,5% a 1,254 dollari, contro il minimo di 1,2412 dollari colpito la settimana scorsa.

I prezzi del petrolio sono scivolati, tirati in direzioni opposte dai blocchi COVID-19 della Cina, che potrebbero pesare sulla domanda di carburante, e dalle prospettive di un colpo all'offerta da un possibile embargo petrolifero europeo sulla Russia.

Il greggio Brent è sceso dello 0,5% a 107 dollari al barile e anche il greggio statunitense ha perso lo 0,5% a 104,6 dollari.

I prezzi del rame a Londra sono scesi ai minimi di tre mesi perché le restrizioni COVID-19 in Cina, il principale consumatore, e la prospettiva di un aumento aggressivo dei tassi statunitensi hanno alimentato le preoccupazioni di una crescita globale più debole che colpisce la domanda di metalli.

Il rame a tre mesi di riferimento sul London Metal Exchange era in calo dell'1,7% a 9.608,50 dollari la tonnellata.

I prezzi dell'oro hanno toccato il loro minimo da metà febbraio, poiché un dollaro elevato e l'imminente aumento dei tassi da parte della Fed hanno smorzato l'attrattiva dei lingotti come copertura dell'inflazione.

L'oro a pronti era in calo dello 0,4% a 1.854,4 dollari per oncia.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Tutte le notizie su FTSE 100
01/07Le azioni europee sono miste alla chiusura di venerdì, dopo che l'inflazione dell'Euroz..
MT
01/07Le borse europee oscillano a mezzogiorno sulle prospettive di recessione e inflazione
MT
30/06I titoli europei chiudono al ribasso giovedì per i continui timori sull'inflazione
MT
30/06Le borse europee calano a mezzogiorno sulle prospettive dei banchieri centrali
MT
29/06Le borse europee sono in ribasso a metà giornata in vista della conferenza della BCE
MT
29/06I timori di un rallentamento economico fanno scendere il FTSE 100
MR
29/06Le vendite del rivenditore britannico B&M calano nel primo trimestre
MR
28/06BORSA DI LONDRA: Il FTSE 100 tocca un massimo di 2 settimane e mezzo grazie all'allentame..
MR
27/06Le borse europee chiudono in rialzo per il secondo giorno consecutivo
MT
27/06Le borse europee sono in rialzo, il settore tecnologico è in crescita
MT
Altre news
Notizie dei componenti dell'indice FTSE 100
01/07BP P.L.C.: Cowen mantiene la raccomandazione Neutral
MM
01/07SHELL PLC: prospettiva positiva di Cowen
MM
01/07L'unità Shell, Emerging Power delle Filippine si alleano per un progetto di energia rin..
MT
01/07AstraZeneca raggiunge gli endpoint primari negli studi sui tumori del fegato e delle vi..
MT
01/07Shell sta valutando le implicazioni del nuovo decreto russo sul progetto di gas natural..
MT
01/07Unilever chiude la vendita del business del tè Ekaterra per un valore di 4,7 miliardi d..
MT
01/07GSK completa l'acquisto da 1,9 miliardi di dollari di Sierra Oncology
MT
Altre news
Grafico FTSE 100
Durata : Periodo :
FTSE 100: grafico analisi tecnica FTSE 100 | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica FTSE 100
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleRibassistaRibassista
Migliori e Peggiori FTSE 100
OCADO GROUP PLC814 Prezzo in differita.4.20%
SSE PLC1677.5 Prezzo in differita.3.81%
ROLLS-ROYCE HOLDINGS PLC86.08 Prezzo in differita.3.77%
MELROSE INDUSTRIES PLC154.2 Prezzo in differita.3.01%
COMPASS GROUP PLC1728 Prezzo in differita.2.86%
AUTO TRADER GROUP PLC542.2 Prezzo in differita.-2.31%
ANTOFAGASTA PLC1121.5 Prezzo in differita.-2.90%
ABRDN PLC154.5 Prezzo in differita.-3.35%
ANGLO AMERICAN PLC2818.5 Prezzo in differita.-4.03%
GLENCORE PLC424.95 Prezzo in differita.-4.53%
Heatmap :