(Alliance News) - Starling Group ha dichiarato di essere "molto impegnato" nei piani futuri di quotazione in borsa a Londra, dopo che il prestatore digitale ha rivelato che l'aumento dei tassi d'interesse ha contribuito all'aumento degli utili annuali del 55%.

L'amministratore delegato ad interim della banca, John Mountain, ha dichiarato che, sebbene il gruppo non abbia deciso quando quotarsi, i piani per un'offerta pubblica iniziale vengono discussi regolarmente dal consiglio di amministrazione e dagli azionisti.

Londra sarebbe anche la sua "sede naturale" per qualsiasi potenziale quotazione, ha aggiunto, in modo da contrastare la recente tendenza che ha visto una serie di aziende scegliere mercati azionari esteri per le loro IPO o per cambiare le loro quotazioni all'estero.

Mountain ha detto: "Le strategie di investimento di alcuni azionisti si basano su un approccio pubblico-privato. Dobbiamo valutare i tempi, ma siamo molto impegnati in questo senso. Siamo sempre stati un'azienda tecnologica del Regno Unito e la Borsa di Londra sarebbe una sede naturale per noi", ha detto.

Ha detto che il nuovo amministratore delegato permanente Raman Bhatia, ex capo del fornitore di gas ed elettricità Ovo Energy, aggiornerà sui potenziali piani di quotazione dopo aver preso il timone il 24 luglio.

Mountain ha dichiarato che Starling non è più un giocatore sfidante, ma una "banca affermata e fiorente", dopo aver riportato un utile ante imposte in aumento del 55% a 301,1 milioni di sterline per l'esercizio al 31 marzo, il terzo anno di redditività.

L'aumento dei tassi d'interesse nel Regno Unito "ha fornito un forte vento di coda" al suo margine d'interesse netto, una misura di performance chiave per le banche al dettaglio, che è salito al 4,34% dal 2,72%.

Mountain ha dichiarato che sta diffondendo il suo software bancario, Engine, a livello globale, con l'obiettivo di far sì che questo lato dell'attività possa superare il ramo bancario al dettaglio in futuro.

L'anno scorso il prestatore ha firmato Salt Bank in Romania e AMP Bank in Australia come primi due clienti di Engine.

Mountain ha dichiarato: "È stato un anno di svolta per Starling, in quanto siamo diventati un fornitore globale di software bancario come servizio attraverso la nostra filiale Engine by Starling.

"Abbiamo investito molto in Engine perché siamo sicuri che un giorno potrà diventare grande come la banca britannica, o anche di più".

I risultati di Starling hanno mostrato che ha aumentato i suoi accantonamenti per svalutazione a 47 milioni di sterline da 34,5 milioni di sterline dell'anno precedente, in quanto ha registrato un aumento "molto modesto" degli arretrati, in gran parte nei suoi prestiti ipotecari, con un aumento dei tassi di insolvenza nei suoi prestiti non garantiti alle piccole imprese.

Il Gruppo ha visto la crescita della base di depositi rallentare al 4%, portando il totale a 11 miliardi di sterline, a causa dell'intensa concorrenza nel settore, in quanto i clienti si sono spostati per trovare i migliori tassi di risparmio.

Ha visto un calo dei prestiti lordi complessivi a 4,7 miliardi di sterline, rispetto ai 4,9 miliardi di sterline dell'anno precedente, in quanto sta esaurendo il portafoglio di prestiti alle imprese sostenuto dal governo e accumulato durante la pandemia.

Starling è stata fondata da Anne Boden nel 2014, ma nel maggio dello scorso anno ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di amministratore delegato della società di credito.

Ha detto che era "nell'interesse della banca" separare il suo ruolo di amministratore delegato da quello di grande azionista.

Mountain, già direttore operativo, l'ha sostituita ad interim nel giugno dello scorso anno.

La banca impiega circa 3.500 persone negli uffici di Londra, Southampton, Cardiff e Manchester.

Di Holly Williams, PA Business Editor

Associazione Stampa: Finanza

fonte: PA

Copyright 2024 Alliance News Ltd. Tutti i diritti riservati.