(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 06 giu - Proseguono positive le Borse europee mentre si attende che venga reso ufficiale il taglio dei tassi d'interesse dello 0,25 da parte della Bce, con il mercato che non ha ormai alcun dubbio sulla sforbiciata, mentre guarda al discorso della presidente Lagarde nel pomeriggio per intuire la direzione delle mosse future. Sul fronte macro, ad aprile il volume del commercio al dettaglio nell'area euro è calato dello 0,5% e nella Ue dello 0,6% rispetto a marzo, mentre in Italia si stima, per le vendite al dettaglio, una variazione congiunturale negativa sia in valore sia in volume (rispettivamente -0,1% e -0,3%). In Germania, gli ordini manifatturieri sono diminuiti inaspettatamente, attestandosi inferiori dello 0,2% rispetto al mese precedente. Il Ftse Mib di Milano viaggia in progresso dello 0,55%, come salgono il cac di Parigi (+0,4), il dax di Francoforte (+0,7%), l'Ibex di Madrid (+0,5%) e il Ftse 100 di Londra (+0,3%). Sull'azionario a Piazza Affari, in un comparto bancario che si muove a velocità diverse, si mette in luce Fineco (+2,6%), così come Mediolanum (+0,4%), in scia ai numeri positivi sulla raccolta netta del mese di maggio; fronte opposto per Mediobanca (-1,2%) e Generali (-0,7%). Corre il titolo di Iveco (5,6%) sulle nuove indiscrezioni in merito all'interesse di Leonardo (+0,2%) per acquisire Iveco Defence Vehicles. Ancora acquisti su St (+1,5%) in scia all'entusiasmo delle sedute precedenti per il settore. In coda Poste accusa una flessione dell'1,5% con il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti che, in merito al collocamento di una tranche del capitale, ha spiegato che "non è un'esigenza di vita o di morte, o di cassa, viene fatto quando è giusto farlo" ossia quazndo "le condizioni di mercato lo suggeriscono". Fuori dal paniere principale, reazione opposta per Azimut (+0,4%) e Anima (-0,5%), entrambe reduci dalla pubblicazione dei dati sulla raccolta di maggio. Ancora in progresso le azioni di Mfe (+0,5% le A e +0,2% le B) in scia alle stime positive sulla pubblicità nel primo semestre, diffuse alla vigilia. Sul valutario, l'euro scambia a 1,087 dollari e a 169,8 yen. Torna a salire il prezzo del petrolio, dopo i cali, con il Brent agosto a 78,6 dollari al barile (+0,3%) e il Wti di pari scadenza a 74,15 dollari (+0,45%). In lieve incremento il prezzo del gas naturale ad Amsterdam a 33,6 euro al megawattora (+0,8%).

Bla-

(RADIOCOR) 06-06-24 13:01:15 (0331)NEWS 3 NNNN


(END) Dow Jones Newswires

June 06, 2024 07:02 ET (11:02 GMT)