Giù il petrolio, +18% gas. Ftse Mib invariato in settimana

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 31 mag - Le Borse europee chiudono con una nota interlocutoria il mese di maggio. Nel corso degli ultimi trenta giorni numerosi listini hanno fatto segnare nuovi record, con Piazza Affari al top dal 2008, trainati anche dalla buona stagione delle trimestrali, salvo poi tornare in parte sui loro passi a causa delle incertezze sulle traiettorie di politica monetaria delle banche centrali. Mentre si avvicina il primo taglio dei tassi della Bce, ormai praticamente annunciato per il 6 giugno, molti più dubbi circondano le tempistiche con cui la Fed deciderà di abbassare il costo del denaro: in base alle elaborazioni del Cme FedWatch Tool, i mercati al momento considerano probabile una sola sforbiciata da 25 punti base da qui a fine anno, anche se è possibile che diventino due se il primo intervento arriverà a settembre (eventualità al momento considerata probabile al 50% circa). In questo scenario il Ftse Mib di Piazza Affari ha chiuso maggio con un progresso del 2,2%, rimanendo invariato nell'ultima settimana. Hanno fatto meglio Francoforte, salita del 3,1% in maggio nonostante il -1,1% da venerdì scorso, e Madrid, che ha messo a segno un +4,3% (+0,7% nella settimana). Si è fermata a +1,6% la performance mensile di Londra (-0,5% nell'ultima ottava), mentre Parigi ha chiuso maggio sostanzialmente piatta (+0,1%, con -1,3% da venerdì). Da inizio anno Milano rimane maglia rosa (+13,6%), seguita da Madrid (+12,1%), Francoforte (+10,3%), Londra (+7%) e Parigi (+6%).

Tra i principali titoli di Piazza Affari, le prestazioni migliori della settimana sono state messe a segno da Erg (+5,6%), A2a (+2,2%), Bper (+2,1%), Banco Bpm (+1,9%) ed Hera (+1,7%). Deboli invece Iveco (-5,1%), Campari (-3,9%), Tenaris (-2,9%), StMicroelectronics (-2,2%) e Interpump (-1,9%). Sul mercato valutario, in maggio l'euro si è rafforzato dell'1,6% nei confronti del dollaro. Bilancio mensile in rosso per il petrolio, mentre le crisi geopolitiche alimentano dubbi sulla domanda globale di energia: il Wti è sceso del 6,2% e il Brent del 7,1%. In crescita del 17,9% invece, il prezzo del gas naturale sulla piattaforma Ttf di Amsterdam.

Ppa-

(RADIOCOR) 31-05-24 19:05:11 (0675) 3 NNNN


(END) Dow Jones Newswires

May 31, 2024 13:05 ET (17:05 GMT)