Le azioni europee sono scese lunedì dopo che il Presidente francese Emmanuel Macron ha indetto un'elezione lampo in seguito alla pesante sconfitta nel voto dell'Unione Europea a favore dell'estrema destra, innervosendo gli investitori già preoccupati per le prospettive dei tassi d'interesse.

L'indice CAC 40 delle blue-chip francesi è sceso dell'1,8% per toccare un minimo di oltre tre mesi, con gli istituti di credito, tra cui BNP Paribas, Societe Generale e Credit Agricole, in calo tra il 4,3% e il 7%.

Il CAC 40 sembrava in procinto di subire il maggior calo percentuale giornaliero dal luglio 2023.

Anche i prezzi delle obbligazioni francesi sono scesi, spingendo i rendimenti ai massimi da due settimane, dopo che i nazionalisti euroscettici hanno guadagnato terreno nelle elezioni del Parlamento europeo di domenica, spingendo un Macron ammaccato a indire elezioni nazionali lampo.

"Quello che abbiamo visto in passato quando ci sono stati altri tipi di scommesse politiche, non ultimo il referendum sulla Brexit nel Regno Unito, è che non si può mai essere sicuri di quale direzione prenderà l'elettorato", ha detto Susannah Streeter, responsabile del settore denaro e mercati di Hargreaves Lansdown.

Dato che in passato ci sono stati degli scossoni, ci sono alcuni timori che questa scommessa possa non pagare per Macron, ha detto Streeter.

Macron ha indetto le elezioni parlamentari con il primo turno il 30 giugno. Se il partito di estrema destra National Rally dovesse ottenere la maggioranza, Macron rimarrebbe senza voce in capitolo negli affari interni.

L'indice paneuropeo STOXX 600 è sceso dello 0,6%, mentre altri mercati regionali, tra cui il DAX tedesco e l'IBEX spagnolo, sono scesi rispettivamente dello 0,7% e dello 0,6%.

I mercati azionari sono stati sotto pressione venerdì dopo che un rapporto sui posti di lavoro negli Stati Uniti più forte del previsto ha alimentato le preoccupazioni che la Federal Reserve non taglierà i tassi di interesse a breve.

I trader stanno attualmente valutando tagli dei tassi di 37 punti base (bps) da parte della Fed entro la fine di quest'anno, secondo lo strumento di probabilità dei tassi di LSEG, con una probabilità del 45% di un primo taglio a novembre.

La Banca Centrale Europea

ha abbassato il suo tasso di riferimento di 25 punti base da un massimo record al 3,75% durante la riunione politica della scorsa settimana, ma i trader hanno ridimensionato le scommesse su altri due tagli dei tassi quest'anno, dopo che la Banca Centrale Europea ha dato pochi indizi di ulteriori mosse.

Il responsabile delle politiche della BCE, Peter Kazimir

ha detto

in un post sul blog che la banca centrale dovrebbe aspettare l'estate prima di prendere in considerazione un altro taglio dei tassi, poiché l'inflazione è tutt'altro che sconfitta e le pressioni sui prezzi potrebbero riemergere.

Tra i singoli titoli, l'assicuratore britannico Aviva è scivolato dell'1,5% dopo che JPMorgan ha declassato il titolo a "neutrale" da "sovrappesato".

L'azienda chimica finlandese

Kemira

è salita del 4% dopo aver alzato le previsioni sugli utili per l'intero anno, puntando sulla continua ripresa dei mercati finali. (Servizio di Sruthi Shankar a Bengaluru; Editing di Subhranshu Sahu e Sohini Goswami)