(Per un blog in diretta di Reuters sui mercati azionari di Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, cliccare o digitare LIVE/ in una finestra di notizie).

* Alphabet guadagna grazie alla presentazione del modello Gemini AI

* Advanced Micro Devices in rialzo dopo le previsioni sul mercato dei chip AI

* Le richieste settimanali di disoccupazione sono inferiori alle attese

* Indici: Dow piatto, S&P in rialzo dello 0,56%, Nasdaq in rialzo dell'1,01%.

7 dic. (Reuters) - Il Nasdaq ha superato gli altri principali indici di Wall Street giovedì, grazie all'impennata delle azioni di Alphabet, mentre gli investitori attendono i dati mensili sui salari per avere indizi sulle azioni politiche della Federal Reserve.

Le azioni della società madre di Google sono aumentate del 5% grazie al lancio del modello di intelligenza artificiale più avanzato dell'azienda, Gemini.

Il settore dei servizi di comunicazione, che ospita Alphabet, è avanzato del 3% e ha guidato i guadagni tra gli 11 principali settori dell'S&P 500.

Altri titoli megacap, tra cui Amazon.com, Apple e Nvidia, sono saliti sopra l'1% ciascuno.

"Oggi è praticamente una storia di due mercati azionari: la tecnologia e tutto il resto. Loro (Alphabet) non si basano sulle entrate dell'IA, ma questa attività contribuisce agli utili", ha dichiarato Ken Mahoney, CEO di Mahoney Asset Management nel New Jersey.

Tra gli altri principali operatori, Advanced Micro Devices è salita del 7%, un giorno dopo che il chipmaker ha stimato un mercato di 45 miliardi di dollari per i suoi processori di intelligenza artificiale per i data center quest'anno.

Quest'anno il Nasdaq, che è un settore tecnologico, ha sovraperformato i concorrenti, con un'impennata del 36% grazie al rally dei titoli delle megacap, alimentato dall'entusiasmo per il potenziale dell'intelligenza artificiale. Anche le crescenti speranze di un taglio dei tassi di interesse il prossimo anno hanno migliorato il sentimento.

I rapporti che mostrano la debolezza delle buste paga private e delle aperture di posti di lavoro di questa settimana hanno rafforzato le aspettative che il ritmo furioso dei rialzi dei tassi della Federal Reserve stia rallentando l'economia, consentendo potenzialmente alla banca centrale di alleggerire la sua politica monetaria l'anno prossimo.

I trader hanno quasi completamente prezzato la probabilità che la Fed mantenga i tassi d'interesse invariati durante la riunione della prossima settimana e hanno quasi il 64% di probabilità di un taglio dei tassi entro il marzo 2024, secondo lo strumento FedWatch del CME Group.

Tuttavia, alcuni analisti hanno avvertito che i mercati sono stati troppo ottimisti riguardo ai tagli dei tassi.

"L'unico modo per ottenere un taglio dei tassi è che il PIL inizi ad arretrare e che ci sia una debolezza nel mercato del lavoro", ha detto Mahoney, aggiungendo che un rallentamento significativo dell'economia colpirà anche gli utili delle aziende.

Il rapporto del Dipartimento del Lavoro, previsto per venerdì, dovrebbe mostrare che le buste paga non agricole sono aumentate di 180.000 posti di lavoro il mese scorso, dopo l'aumento di 150.000 posti di lavoro in ottobre.

Una lettura separata ha mostrato che le richieste iniziali di disoccupazione si sono attestate a 220.000 per la settimana terminata il 2 dicembre, inferiori alle stime di 222.000, secondo gli economisti intervistati da Reuters.

Nel frattempo, i commenti del Governatore della Banca del Giappone, Kazuo Ueda, hanno contribuito ad aumentare le speculazioni sul fatto che la banca centrale potrebbe presto abbandonare la sua politica monetaria ultra-facile.

Alle 11:32 a.m. ET, il Dow Jones Industrial Average era in calo di 3,16 punti, o 0,01%, a 36.051,27, lo S&P 500 era in aumento di 25,54 punti, o 0,56%, a 4.574,88, e il Nasdaq Composite era in aumento di 143,11 punti, o 1,01%, a 14.289,82.

Per quanto riguarda il Dow, le azioni di Merck sono scese dell'1,1% dopo che la combinazione di immunoterapia del produttore di farmaci ha fallito in uno studio sul cancro ai polmoni.

I titoli in rialzo hanno superato quelli in ribasso con un rapporto di 1,96 a 1 sul NYSE e di 1,44 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato 14 nuovi massimi di 52 settimane e nessun nuovo minimo, mentre il Nasdaq ha registrato 50 nuovi massimi e 68 nuovi minimi.