(Per un blog in diretta di Reuters sui mercati azionari di Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, cliccare o digitare LIVE/ in una finestra di notizie).

* Il settore manifatturiero statunitense fatica a riprendersi - ISM

* Dell prevede un bilancio 2025 positivo grazie alla domanda di server AI

* NYCB crolla dopo la rivelazione di una revisione dei prestiti.

* Indici: Dow in calo dello 0,05%, S&P in rialzo dello 0,33%, Nasdaq in rialzo dello 0,60%.

1 marzo (Reuters) - L'S&P 500 e il Nasdaq sono saliti venerdì grazie all'estensione dei guadagni dei produttori di chip sulla persistente frenesia dell'AI, mentre il calo dei rendimenti del Tesoro in seguito ai dati economici deboli e ai commenti dei funzionari della Federal Reserve ha dato ulteriore impulso.

Il Nasdaq, che è un settore tecnologico, si è avvicinato di un soffio al picco intraday di tutti i tempi raggiunto nel novembre 2021, dopo aver registrato un record di chiusura nella sessione precedente.

L'indice ha cavalcato l'onda dell'intelligenza artificiale, innescata dalle previsioni di Nvidia, azienda produttrice di chip, il mese scorso.

Le azioni di Nvidia sono salite del 3,4%, mentre quelle della rivale Advanced Micro Devices hanno guadagnato il 3,8%, raggiungendo un nuovo record. Il più ampio indice dei semiconduttori di Philadelphia è avanzato del 3,3%, raggiungendo un picco storico. Il rally di Wall Street si è ulteriormente rafforzato quando il rendimento del titolo a due anni è sceso al 4,56%.

Il calo è avvenuto dopo che una lettura ha mostrato che il settore manifatturiero statunitense è crollato ulteriormente a febbraio. I dati, che hanno seguito una lettura dell'inflazione in linea giovedì, hanno mantenuto vive le scommesse che la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse a giugno.

"Tutti i dati economici non sono né troppo caldi né troppo freddi e sono piuttosto solidi", ha detto Randy Frederick, fondatore di Randy Frederick Media.

"Quello che si vuole veramente è un'attività solida, che le persone rimangano occupate e che abbiano denaro da spendere. Tutto questo sta accadendo".

Gli investitori hanno anche digerito i commenti del Governatore della Fed Chris Waller, che ha affermato che le prossime decisioni della banca centrale sulle dimensioni definitive del suo bilancio non hanno alcuna influenza sulla lotta all'inflazione. Nel frattempo, il Presidente della Fed di Richmond Thomas Barkin ha detto che è troppo presto per prevedere quando la Fed potrà iniziare a tagliare i tassi. Alle 11:36 a.m. ET, il Dow Jones Industrial Average era in calo di 21,44 punti, o 0,05%, a 38.974,95 e il Nasdaq Composite era in rialzo di 97,22 punti, o 0,60%, a 16.189,14.

L'indice S&P 500 è salito di 16,76 punti, pari allo 0,33%, a 5.113,03, dopo aver toccato un record intraday di 5.121,68 punti all'inizio della giornata. I tre indici principali di Wall Street hanno chiuso il mese di febbraio su un massimo nella sessione precedente, registrando il quarto guadagno mensile consecutivo giovedì, grazie all'euforia per l'AI e alla forte stagione degli utili del quarto trimestre.

Il settore energetico dell'S&P 500 è stato il miglior performer settoriale di venerdì, con un aumento dell'1,5%.

Tra i principali operatori, New York Community Bancorp ha subito un crollo del 25,9% dopo che l'istituto di credito regionale ha dichiarato di aver riscontrato "debolezze materiali" nei controlli interni relativi alla revisione dei prestiti e ha rivisto la perdita del quarto trimestre 10 volte al di sopra dei numeri precedentemente dichiarati.

L'indice bancario regionale KBW è sceso dell'1,9%. Dell Technologies è balzata del 25,6% dopo che il produttore di personal computer ha previsto ricavi e utili annuali superiori alle stime di Wall Street.

Il Dow Jones è stato messo sotto pressione da un calo dell'1,1% delle azioni di Boeing, dopo che un rapporto ha affermato che il produttore di aerei era in trattative per acquistare il fornitore Spirit AeroSystems.

I titoli in rialzo hanno superato quelli in ribasso con un rapporto di 1,78 a 1 sul NYSE e di 1,47 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato 71 nuovi massimi di 52 settimane e due nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha registrato 133 nuovi massimi e 61 nuovi minimi.