L'ascesa del Nikkei a poca distanza da un massimo storico segna la lunga uscita delle azioni giapponesi dal deserto degli investimenti, in quanto il denaro, lo slancio e i segnali di cambiamento nel Giappone aziendale riportano il mercato in cima ai portafogli globali.

Si tratta di un evento che si è protratto a lungo: più di 34 anni e abbastanza a lungo da segnare una generazione di investitori giapponesi, che grazie ad un'amara esperienza sono stati venduti in questo potente rally.

Con il Nikkei in rialzo del 50% in poco più di un anno, tuttavia, i gestori globali stanno ora sentendo il dolore della perdita e si stanno affannando per entrare.

Le valutazioni favorevoli, i buyback e altre decisioni aziendali favorevoli al mercato hanno convinto gli investitori che questa volta non si tratta di una bolla. Gli afflussi sono solo all'inizio, dicono i dealer e i gestori di fondi, e a poche settimane dall'inizio dell'anno gli analisti di brokeraggio hanno rivisto al rialzo gli obiettivi di prezzo.

"Se volessi fare un'analogia con il baseball, credo che siamo ancora nel secondo inning", ha detto Shinji Ogawa, co-responsabile delle vendite di azioni cash in Giappone presso J.P. Morgan a Tokyo.

"Il numero di richieste in arrivo al mio team è letteralmente esponenziale negli ultimi mesi - è travolgente la quantità di domanda o di interesse che c'è in Giappone al momento".

Ogawa stima che i gestori globali dovrebbero acquistare circa 42.000 miliardi di yen (280 miliardi di dollari) in azioni solo per portare la loro esposizione, che è diminuita nel corso dei decenni, al peso del mercato.

I fondi azionari globali ex Stati Uniti sottopesano il Giappone del 4%, secondo il fornitore di dati EPFR. I fondi regionali del Pacifico sottopesano il Giappone dell'8%.

I flussi suggeriscono che i gestori stanno riducendo rapidamente la quota, dato che è sempre più difficile giustificare la loro assenza. Gli acquisti netti dall'estero sono stati di 6,3 trilioni di yen (41,94 miliardi di dollari) l'anno scorso, il massimo nei record di un decennio fa. A gennaio, è stato di 1,2 trilioni di yen.

"I gestori globali (di portafoglio) non hanno avuto problemi a non possedere il Giappone per un periodo così lungo", ha detto Shuntaro Takeuchi, che gestisce strategie sul Giappone con circa 800 milioni di dollari di asset presso Matthews Asia, ma ora la performance sta iniziando ad esercitare pressione.

"Sono tranquilli finché non lo sono più".

TORO

La vicinanza del Nikkei alla pietra miliare ricorda il crollo che ha seguito il picco precedente, quando la "bolla economica" del Giappone è scoppiata e l'indice è sceso del 60% in due anni e mezzo.

Mette anche in dubbio il mito secondo cui le azioni giapponesi sono storicamente ritardatarie.

Mercoledì, il benchmark ha chiuso a 38.262,16, a meno di 700 punti dal massimo storico del 1989 di 38.957,44.

La recente impennata è l'ultima di una forte corsa: nell'ultimo decennio, il Nikkei è salito di quasi il 160% in termini di yen e di circa il 75% in termini di dollari.

A titolo di confronto, nello stesso periodo, in dollari, il principale mercato europeo con la migliore performance, il DAX tedesco, è salito meno del 40%. Lo Shanghai Composite è salito del 19% in termini di dollari nei 10 anni fino al 2024. L'S&P 500 è salito di circa il 170%.

Gli investitori di lunga data sottolineano anche le differenze di valutazione e di mentalità di questa volta.

Alla fine degli anni '80, le azioni giapponesi erano scambiate con multipli prezzo-utile degli anni '50 e oltre.

Ora il Nikkei tratta con un rapporto P/E di 22 e l'intera capitalizzazione di mercato dell'indice - 680 mila miliardi di yen - è inferiore a quella di Apple e Nvidia messe insieme.

"Nel 1989, tutti e il loro fratello erano rialzisti, non solo un gruppo di stranieri", ha detto Jesper Koll, ambasciatore globale presso il brokeraggio Monex Group, che all'epoca era capo economista presso SG Warburg Securities Japan e da allora ha osservato da vicino il mercato.

"Era il Giappone stesso che era convinto che nulla potesse andare storto, che il Giappone avrebbe conquistato il mondo. E questa volta è ovviamente molto diverso".

L'anno scorso gli investitori retail giapponesi hanno venduto 3,5 trilioni di yen in azioni e hanno venduto un altro trilione a gennaio. Gli investitori istituzionali giapponesi hanno venduto 2,7 trilioni di azioni nel 2023 e 1,3 trilioni a gennaio.

CINQUANTAMILA

Anche gli utili aiutano. I contanti arrivano alle banche e ai titani aziendali come Toyota e Nippon Telegraph and Telephone.

Le vendite di Toyota, la prima casa automobilistica al mondo, hanno raggiunto un record nel 2023 e gli investitori vedono che i miglioramenti degli utili continuano, anche se lo yen sale. Le indagini sulle fabbriche indicano che ci saranno ancora più profitti.

Contemporaneamente, la Borsa di Tokyo sta stimolando le aziende a migliorare la pigra gestione del capitale, a sciogliere le partecipazioni incrociate inefficienti e a mettere a frutto la liquidità o a restituirla.

Il totale dei riacquisti ha raggiunto un record di quasi 60 miliardi di dollari l'anno scorso, secondo i dati LSEG. Ma è inferiore ai riacquisti di azioni di Apple e, con circa 343.000 miliardi di yen di liquidità nei bilanci non bancari, gli investitori si aspettano altri riacquisti.

"Detengono una notevole liquidità... il governo giapponese chiede loro di restituire tale liquidità agli azionisti, come un dividendo ma con una spinta in più", ha detto Liqian Ren di WisdomTree Asset Management a Philadelphia.

Il dividend yield delle azioni giapponesi oggi è di circa il 2% e in aumento, ben al di sopra del 1989, quando si aggirava intorno allo 0,4% e il rendimento dei titoli di Stato era quasi del 6%.

Certo, ci sono dei rischi. Il Giappone è scivolato in recessione lo scorso trimestre e pesano anche la prospettiva del primo aumento dei tassi di interesse da decenni e un'economia cinese che vacilla.

Ma gli acquisti dall'estero, la mancanza di schiuma e il graduale cambiamento dell'atteggiamento globale verso il Giappone sono promettenti, dicono i veterani.

"Le azioni giapponesi oggi... sono tremendamente sottovalutate", ha detto Ryoji Musha, un veterano di Daiwa e Deutsche che è diventato scettico alla fine degli anni '80, quando le valutazioni sono salite alle stelle.

"Il tasso di interesse è dello 0,8%, rispetto ad un rendimento azionario del 7%", ha detto dagli uffici della sua azienda, Musha Research, con vista sulla baia di Tokyo.

"La media Nikkei potrebbe salire a circa 50.000 yen entro la fine dell'anno". (1 dollaro = 150,2100 yen)