L'S&P 500 e il Nasdaq si sono indeboliti venerdì, sulla strada per interrompere le loro strisce vincenti di cinque settimane, mentre gli investitori hanno digerito un rapporto sull'inflazione e valutato quando la Federal Reserve potrebbe iniziare a tagliare i tassi di interesse.

Il settore tecnologico ha guidato i ribassi tra i settori dell'S&P 500, con un calo dell'1,6%, seguito dai beni di consumo discrezionali, in calo dell'1%.

L'indice dei semiconduttori è sceso del 2,6%, mentre le azioni di Dell sono crollate del 18% dopo aver previsto un utile del trimestre in corso inferiore alle stime del mercato e aver segnalato che i costi più elevati per la costruzione di server in grado di soddisfare i pesanti carichi di lavoro dell'AI avrebbero intaccato i suoi margini annuali.

L'indice dei prezzi delle spese per i consumi personali (PCE) degli Stati Uniti è aumentato dello 0,3% il mese scorso, come ha mostrato il Bureau of Economic Analysis del Dipartimento del Commercio, eguagliando il guadagno non rivisto di marzo.

La spesa dei consumatori è rallentata più del previsto, ha aggiunto il rapporto.

"Le persone sono state soddisfatte del fatto che non ci sia stata una forte sorpresa, ma anche sotto la superficie, il consumatore continua a mostrare un po' di tensione", ha detto Carol Schleif, responsabile degli investimenti presso il family office BMO di Minneapolis.

"Lo si vede quando si osservano le performance settoriali del mercato. ... Il settore dei consumi discrezionali è in fondo alla lista dei settori performanti oggi".

I commercianti di futures legati al tasso di politica della Fed hanno aggiunto alle scommesse delle probabilità quasi pari che la banca centrale inizierà a tagliare i tassi a settembre e hanno aumentato le probabilità di un secondo taglio dei tassi a dicembre a circa la stessa probabilità.

Il Dow Jones Industrial Average è salito di 265,19 punti, pari allo 0,70%, a 38.376,67 punti. L'S&P 500 ha perso 16,37 punti, o 0,31%, a 5.219,11 e il Nasdaq Composite è sceso di 210,73 punti, o 1,26%, a 16.526,35.

I titoli tecnologici e dei chip, che hanno guidato il recente rally di Wall Street, si sono ritirati questa settimana, mentre l'impennata dei rendimenti del Tesoro ha messo sotto pressione gli asset più rischiosi.

Tra i titoli in rialzo, Zscaler è balzato del 7,1% dopo che il fornitore di soluzioni di sicurezza ha previsto risultati del quarto trimestre superiori alle stime.

Gap ha registrato un'impennata del 28,5% dopo che il produttore di abbigliamento ha alzato le previsioni di vendita annuali e i risultati del primo trimestre hanno battuto le aspettative del mercato, in nuovi segnali che la sua strategia di svolta sta iniziando a funzionare.

Trump Media & Technology Group è sceso del 5,3% dopo che una giuria di New York ha condannato l'ex Presidente Donald Trump per aver falsificato dei documenti per coprire un pagamento di denaro sporco a una pornostar prima delle elezioni del 2016.

I titoli in rialzo hanno superato quelli in ribasso con un rapporto di 2,03 a 1 sul NYSE e di 1,24 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato otto nuovi massimi di 52 settimane e sei nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha registrato

4

8

nuovi massimi e 82 nuovi minimi.