(Per un blog in diretta di Reuters sui mercati azionari di Stati Uniti, Regno Unito ed Europa, cliccare o digitare LIVE/ in una finestra di notizie).

* Le richieste settimanali di disoccupazione aumentano più del previsto

* Nvidia scende dopo aver superato i 3.000 miliardi di dollari di market cap mercoledì.

* Nio crolla dopo aver registrato una perdita netta nel primo trimestre

* Lululemon sale dopo aver superato le stime trimestrali grazie alla domanda cinese.

* Indici: Dow in rialzo dello 0,05%, S&P in ribasso dello 0,09%, Nasdaq in ribasso dello 0,12%.

6 giugno (Reuters) - Wall Street ha faticato a trovare una direzione giovedì, mentre Nvidia, favorita dall'AI, è scivolata dopo un rally guidato dal settore tecnologico nella sessione precedente, e gli investitori hanno atteso un rapporto chiave sul mercato del lavoro prima delle riunioni della Federal Reserve della prossima settimana per decidere sui tassi di interesse.

Il Nasdaq e l'S&P 500 hanno toccato nuovi massimi intraday poco dopo l'apertura, ma i guadagni iniziali si sono esauriti quando Nvidia è scivolata di oltre il 2%. Nella sessione precedente, aveva superato i 3.000 miliardi di dollari di valutazione del mercato e aveva sorpassato Apple come seconda azienda di maggior valore al mondo.

"Oggi sembra proprio che si tratti di una presa di profitto o di una pausa per un titolo che è salito del 145% da un anno all'altro", ha detto Dave Mazza, CEO di Roundhill Investments.

I guadagni di Nvidia e di altri player legati all'AI hanno guidato in gran parte il rally di Wall Street quest'anno, con il chipmaker che rappresenta circa un terzo dei guadagni dell'S&P 500, pari a oltre il 12% da un anno all'altro.

Il settore tecnologico ha guidato i ribassi con un calo dello 0,5%, mentre l'indice che segue i titoli dei chip ha perso lo 0,8%.

L'attenzione degli investitori è ora rivolta al cruciale rapporto sui salari non agricoli, atteso per venerdì, che si prevede offrirà ulteriori indizi sulla forza del mercato del lavoro e sul percorso della politica della Federal Reserve.

Il rapporto di giovedì del Dipartimento del Lavoro ha mostrato che le richieste di disoccupazione sono aumentate più del previsto, raggiungendo un valore destagionalizzato di 229.000 unità per la settimana terminata il 1° giugno, l'ultimo di una serie di rapporti che indicano che la rigidità del mercato del lavoro si sta riducendo, dando alla Fed più spazio per tagliare i tassi.

I trader vedono una probabilità del 68% di una riduzione dei tassi a settembre, secondo lo strumento FedWatch del CME, e hanno prezzato circa due tagli quest'anno, secondo i dati di LSEG. Anche i previsori intervistati da Reuters prevedono due tagli.

Alcuni partecipanti al mercato hanno anche sottolineato la crescente pressione sulla Fed, con l'inizio dei cicli di allentamento da parte della Banca Centrale Europea e della Banca del Canada.

"Se ci sono troppe divergenze tra le principali economie, si può iniziare a fare pressione su diverse sacche dell'economia... potrebbe rendere un taglio (della Fed) a settembre un po' più ovvio", ha detto Ross Mayfield, analista di strategia di investimento presso Baird.

Cinque degli 11 settori dello S&P 500 hanno registrato guadagni, guidati da un aumento dello 0,6% dei beni di consumo.

I guadagni delle società di software, compreso un aumento del 2,5% di Salesforce, hanno aiutato il Dow a sovraperformare.

Alle 12:08 p.m. ET, il Dow Jones Industrial Average era in rialzo di 20,85 punti, o 0,05%, a 38.828,18, lo S&P 500 era in calo di 4,87 punti, o 0,09%, a 5.349,16, e il Nasdaq Composite era in calo di 20,95 punti, o 0,12%, a 17.166,95.

Tra gli altri, Lululemon Athletica è salita del 5% dopo aver battuto le aspettative di profitto e fatturato del primo trimestre, mercoledì.

Le azioni di NIO, quotate negli Stati Uniti, sono scese del 6,5% dopo che il produttore cinese di veicoli elettrici ha registrato una perdita netta trimestrale.

Five Below è crollata del 12,9% dopo che l'operatore di discount ha tagliato le sue previsioni di vendite nette annuali.

I titoli in ribasso hanno superato i titoli avanzati con un rapporto di 1,06 a 1 sul NYSE. I titoli in calo hanno superato i titoli avanzati per un rapporto di 1,50 a 1 sul Nasdaq.

L'indice S&P ha registrato 20 nuovi massimi di 52 settimane e 5 nuovi minimi, mentre il Nasdaq ha registrato 51 nuovi massimi e 68 nuovi minimi.