Il Gruppo BHP, il più grande minatore quotato in borsa al mondo, ha dichiarato giovedì di voler sciogliere alcuni team globali e di trasferire i ruoli che coprono funzioni come la pianificazione, l'ambiente e la protezione del patrimonio alla gestione degli asset minerari.

BHP impiega più di 80.000 persone tra personale e appaltatori in tutto il mondo e l'annuncio arriva dopo che l'amministratore delegato Mike Henry ha sottolineato la mancanza di miglioramento della produttività e i costi elevati della sua forza lavoro australiana. I cambiamenti avverranno nelle attività operative di BHP in Australia e nelle Americhe.

BHP non ha dichiarato quanti posti di lavoro saranno eventualmente colpiti, ma l'Australian Financial Review ha riferito che sono già stati tagliati alcuni ruoli relativi ad una divisione standalone di pianificazione e tecnica e ad un'unità per la salute, la sicurezza e l'ambiente.

Nell'ambito del miglioramento continuo del nostro approccio al lavoro, abbiamo apportato alcune modifiche per allineare meglio le attività lavorative all'interno degli asset e supportare un processo decisionale più rapido", ha dichiarato un portavoce di BHP a Reuters, dopo l'invio interno di un'e-mail che illustrava i cambiamenti.

I cambiamenti significano che la responsabilità delle decisioni in materia di salute, sicurezza, ambiente, pianificazione, gestione del patrimonio, decarbonizzazione e riabilitazione ricadrà sui responsabili di ciascuna attività operativa, secondo BHP.

In Australia, le attività di BHP comprendono il minerale di ferro dell'Australia occidentale, il Nickel West, il rame dell'Australia meridionale, il carbone metallurgico del Queensland e il carbone energetico del Nuovo Galles del Sud. Nelle Americhe sono comprese le miniere di rame cilene e il potassio canadese.

Tra gli altri cambiamenti, i ruoli di magazzino e logistica diventeranno specifici per ogni sito piuttosto che una funzione globale, mentre la decarbonizzazione operativa sarà affidata ad un team nazionale che supporterà le attività di ogni Paese, ha dichiarato l'azienda.

BHP manterrà i team a livello di gruppo in materia di salute, sicurezza e protezione, sostenibilità e valore sociale e il suo centro di eccellenza per la manutenzione allineerà gli standard, la coerenza, la strategia e la governance.

La ristrutturazione arriva mentre BHP decide il destino delle sue operazioni in perdita di Nickel West, dopo che una marea di forniture indonesiane ha martellato i prezzi nell'ultimo anno.

Nickel West impiega circa 3.000 dipendenti e Henry ha detto che una decisione era attesa nei prossimi mesi, quando il 20 febbraio il minatore ha annunciato un utile semestrale sottostante di 6,6 miliardi di dollari. (Relazioni di Melanie Burton; Redazione di Aurora Ellis e Jamie Freed)