Il principale indice azionario canadese è sceso ai minimi di tre mesi lunedì, poiché la sua forte ponderazione nelle azioni delle risorse e la bassa esposizione alla tecnologia si sono rivelate poco attraenti per gli investitori, anche se Wall Street ha prolungato la sua corsa record.

L'indice composito S&P/TSX della Borsa di Toronto ha chiuso in calo di 51,22 punti, pari allo 0,2%, a 21.587,88, il livello di chiusura più basso dal 5 marzo.

Al contrario, il benchmark statunitense S&P 500 ha registrato un massimo storico, grazie al suo forte peso nelle azioni tecnologiche ad alto rendimento.

"Al TSX mancano solo gli ingredienti", ha detto Barry Schwartz, gestore di portafoglio presso Baskin Financial Services. "Non abbiamo le aziende giuste per questo tipo di economia".

Le azioni tecnologiche rappresentano solo l'11% della capitalizzazione di mercato del TSX, mentre le azioni finanziarie e delle risorse combinate hanno una ponderazione di circa il 60%.

Il gruppo dei materiali, che comprende i minatori di metalli e le società di fertilizzanti, è sceso dello 0,5%, a causa del calo dei prezzi dell'oro e del rame, mentre l'energia è scesa dello 0,1%.

Il gruppo delle utility ad alto dividendo ha perso lo 0,9%, mentre i rendimenti obbligazionari hanno recuperato alcuni recenti ribassi.

Un punto luminoso è stato il settore industriale, che ha aggiunto lo 0,6%, mentre i beni di consumo hanno chiuso in rialzo dello 0,4%.

Il settore dei beni di consumo è stato aiutato da un guadagno del 2% per le azioni di Primo Water Corp, dopo che l'azienda di acqua confezionata ha concluso un accordo di fusione con BlueTrition Brands. (Relazioni di Fergal Smith a Toronto e Nikhil Sharma e Purvi Agarwal a Bengaluru; Redazione di Shreya Biswas e David Gregorio)