I titoli finanziari ed energetici hanno portato le azioni indiane a nuovi massimi storici lunedì, grazie alle vittorie chiave del partito al potere nelle elezioni statali che hanno risollevato il più ampio mercato nazionale, già sostenuto da solidi dati macroeconomici e dall'allentamento delle aspettative sui tassi d'interesse globali.

L'indice NSE Nifty 50 è salito dell'1,78% a 20.629,25 punti, segnando un record per la seconda sessione consecutiva. L'indice S&P BSE Sensex è salito dell'1,75%, raggiungendo il massimo storico di 68.653,27 punti, alle 14.07 IST. I servizi finanziari sono saliti del 2,6% e i titoli energetici sono saliti del 3%, guidando i guadagni settoriali.

I pesi massimi dell'indice Reliance Industries, ICICI Bank e HDFC Bank hanno guadagnato tra l'1% e il 3,5%.

I titoli a piccola e media capitalizzazione hanno guadagnato circa l'1% ciascuno, toccando anche nuovi massimi storici.

Il Bharatiya Janata Party (BJP) al governo in India si è assicurato vittorie chiave in tre delle quattro elezioni statali, secondo i risultati del fine settimana.

"La festa nei mercati azionari indiani continuerà", ha detto Gaurav Dua, vicepresidente senior e responsabile della strategia del mercato dei capitali presso Sharekhan di BNP Paribas.

"I solidi dati macroeconomici, l'esito politico favorevole delle elezioni delle assemblee statali e il miglioramento del contesto globale hanno spostato il sentimento verso il risk-on dal risk-off", ha aggiunto Dua.

Dua prevede un ulteriore rally del 5%-8% nel benchmark Nifty 50 da qui alle elezioni del Lok Sabha nel maggio 2024.

Il Nifty aveva toccato un massimo storico venerdì, sulla scia della forte crescita trimestrale e dei dati mensili sull'attività industriale.

Larsen & Toubro ha fatto un balzo del 4% ed è stata tra i principali guadagnatori del Nifty 50, dopo che diversi analisti hanno identificato l'azienda come una delle loro scelte preferite, citando i potenziali guadagni derivanti dall'attenzione del Governo alle infrastrutture e alla spesa per il welfare.

I titoli del gruppo Adani sono avanzati tra il 2,5% e il 9% e hanno superato i guadagni di diversi indici settoriali, tra cui metalli ed energia.

Eicher Motors ha toccato un record grazie alle solide vendite di novembre, mentre GAIL India è balzata dopo aver presentato una richiesta di risarcimento di 1,82 miliardi di dollari contro SEFE. (Servizio di Bharath Rajeswaran; Redazione di Dhanya Ann Thoppil, Varun H K e Nivedita Bhattacharjee)