Login
E-mail
Password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
  1. Home
  2. Indici
  3. Svizzera
  4. Swiss Exchange
  5. SMI
  6. Notizie
  7. Riassunto
    SMI   CH0009980894

SMI

(SMI)
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieDerivatiHeatmapComposizione 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueNotizie dei componenti dell'indice

Moda : lettera dei vertici del settore al governo Draghi (MFF)

10-02-2021 | 09:08

MILANO (MF-DJ)--La moda accoglie positivamente il governo Draghi e inizia a riflettere su quali saranno i temi cruciali da mettere sul piatto per rilanciare il Made in Italy. Formazione, sostenibilità, digitalizzazione, innovazione, promozione internazionale saranno i pillar della ripresa, come indicato dai protagonisti del settore, intervistati da MFF.

Tutti concordi nel promuovere la figura di quello che si appresta a diventare il nuovo premier italiano. «Penso che Mario Draghi sia una persona molto competente, una delle eccellenze che abbiamo in Italia, e credo possa essere una persona molto giusta per affrontare la sfida del Recovery fund e quelle che ci attendono per il prossimo anno e mezzo», ha spiegato Carlo Capasa, presidente di Cnmi-Camera nazionale della moda italiana. «Sono convinto che strutturerà un governo di alte competenze e come moda siamo fiduciosi del fatto che prenderà atto della strategicità di quella che è la seconda industria italiana, duramente colpita dalla pandemia con un calo del fatturato del 27%. Continueremo a spiegare al governo le nostre esigenze e sono convinto che questo nuovo corso possa fare bene non solo alla moda ma a tutta l'Italia che inquesto momento ha bisogno di scelte coraggiose». Sulla leadership del comparto, che necessita di essere tutelata a tutti i costi dopo aver bruciato nel 2020 24 miliardi è concorde Claudio Marenzi, presidente di Pitti immagine.

«Mario Draghi ha parlato di debito buono e debito cattivo. Credo che per sostenere la moda in questo momento si possa decisamente puntare a creare debito buono», ha spiegato. Secondo l'imprenditore, i pillar per fare un buon uso del Recovery fund sono almeno cinque: formazione, sostenibilità, digitalizzazione, innovazione, promozione internazionale. «La formazione è al primo punto, perché sarà il modo per tutelare l'occupazione», ha sottolineato. «La nostra filiera impiega anche 10 anni per formare manodopera qualificata. Che dovrà adeguarsi alle nuove realtà digitali e green». Ovviamente, le perdite di fatturato, che va dal 25 al 40% si abbatterà sull'occupazione, ma impiegare il tempo in cui alcuni dipendenti potrebbero non lavorare attivamente, potrebbe essere un buon modo di investire sul futuro. «Il reshoring, riducendo la contribuzione per le aziende, dovrebbe essere un altro fronte», ha proseguito Marenzi.

Che ha ricordato infine come il commercio abbia sofferto di prolungate chiusure, mentre le fiere sono state del tutto annullate nel formato fisico, ricevendo contributi governativi che sarà utile rinnovare. Quanto alla speranza di fare un Pitti uomo fisico a giugno, Marenzi non ha dubbi: «Eravamo già pronti per febbraio. Siamo ovviamente pronti per quest'estate». Uno sguardo completo sulla filiera è quello di Marino Vago, presidente di Smi-Sistema moda Italia, che ha sottolineato la peculiarità della rete produttiva tricolore del tessile-abbigliamento, l'unica completa rimasta in Europa.

L'Annuncio termina tra 11s

Video Successivo

Donne Multitasking 60

00:59

×

Video Successivo

Donne Multitasking 60

Chiudi

La Riproduzione Automatica è in Pausa

«Quello che viene spontaneo chiedere a un uomo che si è sempre occupato di numeri come Draghi è di leggere i numeri della moda», ha detto Vago. «Nel 2019, il sistema ha generato 100 miliardi di fatturato, con un'incidenza dell'export pari al 66% e con un contributo di 28 miliardi al salo della bilancia dei pagamenti. Questo ne dimostra la strategicità per l'economia e conferma l'importanza di supportarlo, in questo momento difficilissimo. Il tessile-abbigliamento, insieme al turismo, è stato uno dei settori più colpiti dalla crisi economica», ha proseguito. «Ma questo non vuol dire che non ci sia lo spirito per guardare avanti. Bisogna mettere a disposizione della filiera tutto quello che serve. Stiamo perciò preparando la "lista della spesa" con le richieste per un piano articolato a sostegno del settore». Ma il lusso made in Italy non è solo moda. Dall'automotive alla nautica, dal food al vino, sono tante le eccellenza rappresentate da Altagamma, il cui presidente, Matteo Lunelli, ha avuto modo di lavorare con Draghi a Londra. «Sono convinto che il prestigio e la credibilità di Mario Draghi a livello internazionale, le sue capacità, la sua competenza e i valori che lo caratterizzano ne fanno il premier ideale per le importanti sfide che l'Italia deve affrontare», ha sottolineato a MFF Lunelli. «È il momento di lavorare tutti per il bene dell'Italia abbandonando logiche di partito e di parte per uno sforzo coeso che riesca a tenere insieme tutte le parti sociali e politiche.

Se gestita con coraggio e competenza, questa fase cruciale per la nostra società e per la nostra economia può portare l'Italia a vivere un nuovo Rinascimento, incentrato sull'eccellenza dei prodotti e dei servizi, sull'innovazione digitale, su un'imprenditorialità più orientata alla sostenibilità e al sociale, e sul rilancio in grande stile del turismo e della reputazione del nostro Paese. I marchi di Altagamma rappresentano 115 miliardi in Italia, valgono circa il 7% del Pil e costituiscono un ecosistema di aziende dal grande potenziale che, pur nel drammatico momento che stiamo vivendo, possono rappresentare oggi una vera e propria locomotiva per l'economia italiana», ha concluso Lunelli.

red/lde

fine

MF-DJ NEWS

1009:04 feb 2021

(END) Dow Jones Newswires

February 10, 2021 03:07 ET (08:07 GMT)

Tutte le notizie su SMI
01/07MODA: nel 2021 ripresa export bebè (MFF)
DJ
18/06Eurostoxx 50 : Borse Europa, male titoli energia e banche, STOXX 600 vicino a..
RE
10/02MODA: lettera dei vertici del settore al governo Draghi (MFF)
DJ
04/02TESSILE: Milano Unica, persi 2 mld di euro nel 2020 (-27,4%) (MFF)
DJ
Pi¨ notizie
Notizie dei componenti dell'indice SMI
04/08NOVARTIS AG: giudizio positivo da UBS
MD
03/08ABB LTD: Goldman Sachs è per il Buy
MD
02/08SWISS REINSURANCE COMPANY: Credit Suisse Neutral sul caso
MD
02/08HOLCIM: Credit Suisse conferma il rating Buy
MD
02/08HOLCIM: Kepler Cheuvreux mantiene la raccomandazione Buy
MD
02/08NESTLE: Berenberg è per il Buy
MD
02/08SWISS REINSURANCE COMPANY: rating Sell da UBS
MD
Pi¨ notizie
Grafico SMI
Durata : Periodo :
SMI: grafico analisi tecnica SMI | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica SMI
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaRialzistaRialzista
Migliori e Peggiori SMI
GEBERIT AG760 Prezzo in differita.1.85%
SIKA AG324.1 Prezzo in differita.1.31%
ALCON INC.67.58 Prezzo in differita.1.29%
PARTNERS GROUP HOLDING AG1587 Prezzo in differita.1.18%
ABB LTD33.7 Prezzo in differita.1.14%
SWISSCOM AG547.2 Prezzo in differita.-0.33%
NESTLÉ S.A.113.56 Prezzo in differita.-0.47%
HOLCIM LTD52.84 Prezzo in differita.-0.60%
COMPAGNIE FINANCIÈRE RICHEMONT SA115.75 Prezzo in differita.-1.91%
THE SWATCH GROUP SA295.9 Prezzo in differita.-3.49%
Heatmap :