Il Ftse Mib riaggancia quota 34mila. In calo lo spread

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 12 giu - Si muovono al rialzo le Borse europee nelle prime battute della seduta, dopo la debacle della vigilia figlia delle tensioni post elettorali che, con la vittoria delle destre in tutta Europa, hanno riacceso i timori sul debito, in particolare in Francia e nei Paesi periferici, Italia e Spagna. Dopo essere sceso ieri sotto quota 34mila punti, il Ftse Mib a Milano sale in avvio dello 0,45% a 34.30 punti, mentre Parigi avanza dello 0,3%, Francoforte dello 0,4%, Madrid è ferma a +0,08% e Amsterdam segna +0,38%. Sarà da seguire, in mattinata, la conferenza stampa del presidente francese Macron. Appare meno tesa la situazione sull'obbligazionario, con lo spread tra BTp e Bund in calo a 143,6 punti e i rendimenti sul BTp decennale poco sopra il 4%, in calo come quelli del resto d'Europa. L'attenzione però oggi si sposta sugli Stati Uniti: sono attesi i dati sul'inflazione di maggio, stimata tra il 3,3% e il 3,4%, ma soprattutto la riunione della Fed. Il mercato da' per scontato che i tassi resteranno fermi ma punta ad analizzare le eventuali modifiche del 'dot-plot' e le parole del presidente, Jerome Powell, alla luce degli ultimi discordanti dati sul mercato del lavoro, per comprendere la traiettoria della politica monetaria Usa. Intanto, sull'azionario milanese rimbalzano le banche, protagoniste delle vendite della vigilia: Mps sale dell'1,6%, Bper dell'1,3%, rialzi di oltre un punto percentuale anche per Bp Sondrio e Intesa Sanpaolo. Inverte la rotta dopo un avvio in rialzo Saipem, che scivola in coda al listino (-0,97% a 2,045 euro) dopo il collocamento del 10% da parte di Eni a 1,97 euro. Scende del 3% a 28,35 euro Italmobiliare dopo che il socio di maggioranza, la Cemital dei Pesenti, ha chiuso il collocamento dell'1,3% a 27,50 euro. Perde lo 0,47% Leonardo, che ha annunciato che sono state interrotte le trattative con Knds per definire una configurazione comune per il programma Main Battle Tank dell'esercito italiano. Poco mossa Italgas (-0,12%), con Il Sole 24 Ore che scrive che i fondi hanno aperto il dossier del gruppo Medea, società del gruppo Italgas e partecipata dal fondo Marguerite. Sul mercato valutario il biglietto verde continua a muoversi vicino ai massimi dell'ultimo mese, in attesa del rapporto sui prezzi al consumo Usa, con l'euro indebolito dagli esiti elettorali. L'euro/dollaro scambia in avvio a 1,0755 (da 1,0727 di ieri in chiusura). In lieve recupero l'euro/yen a 168,94 (da 168,7) mentre il dollaro/yen è a 157,24 (157,29). Torna a salire il prezzo del petrolio con il Brent agosto a 82,4 dollari al barile (+0,5%) e il Wti luglio a 78,44 dollari (+0,7%)con l'aumento delle stime della domanda da parte dell'Aie e la conferma da parte dell'Opec. Il gas scende dello 0,33% a 34,17 euro al megawattora sulla piattaforma Ttf di Amsterdam.

Chi

(RADIOCOR) 12-06-24 09:19:48 (0199)NEWS,ENE,PA,IMM,ASS 3 NNNN


(END) Dow Jones Newswires

June 12, 2024 03:20 ET (07:20 GMT)