LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in rialzo, dopo che tre importanti analisti hanno previsto che le scorte globali di petrolio diminuiranno nella seconda metà del 2024.

Alle 12,30 i futures sul Brent sono in rialzo di 80 centesimi, o dell'1%, a 82,73 dollari il barile, mentre i futures sul greggio statunitense West Texas Intermediate (Wti) guadagnano 92 centesimi, o l'1,2%, a 78,82 dollari.

L'Agenzia internazionale dell'energia (Aie), l'Energy Information Administration (Eia) Usa e l'Opec hanno aggiornato le loro opinioni sull'equilibrio globale tra domanda e offerta di petrolio per il 2024.

L'Aie prevede che la crescita della domanda di petrolio si stabilizzerà a 105,6 milioni di barili al giorno entro il 2029, per poi essere eclissata dall'offerta - ben 8 milioni di barili al giorno al di sopra della domanda prevista - entro il 2030.

L'Eia ha alzato le previsioni di crescita della domanda mondiale di petrolio per il 2024 a 1,10 milioni di barili al giorno, mentre l'Opec mantiene le sue stime per il 2024 di 2,25 milioni di barili al giorno.

La scorsa settimana i prezzi sono scesi di oltre il 2% dopo che l'Opec e i suoi alleati hanno detto di voler eliminare gradualmente i tagli alla produzione a partire da ottobre.

I dati sull'indice dei prezzi al consumo degli Stati Uniti forniranno ulteriori indicazioni sulla politica dei tassi di interesse prima della campana di Wall Street, mentre l'annuncio della politica della banca centrale statunitense è previsto più tardi nel corso della giornata.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Claudia Cristoferi)