Trinidad e Tobago giovedì ha prorogato di quasi due mesi la scadenza per presentare offerte per un'asta di blocchi di petrolio e gas in acque poco profonde, ha detto il governo.

Trinidad è il più grande produttore di gas naturale liquefatto (LNG) dell'America Latina, con una capacità installata di 15 milioni di tonnellate metriche all'anno, e uno dei maggiori esportatori al mondo di metanolo e ammoniaca, ma i suoi impianti hanno funzionato al di sotto della capacità negli ultimi anni a causa della mancanza di fornitura di gas.

La nuova scadenza è stata fissata al 27 maggio, dando alle aziende più tempo per presentare le offerte per i blocchi. Le offerte dovevano essere presentate il 2 aprile.

Le aree di acque poco profonde di Trinidad sono considerate mature, in quanto sono già state esplorate e hanno prodotto oltre 2 miliardi di barili di petrolio e 20 mila miliardi di piedi cubici (TCF) di gas naturale.

Il Paese delle due isole gemelle ha lanciato l'asta in ottobre, offrendo 13 blocchi di esplorazione di petrolio e gas in acque poco profonde, più del doppio del numero di aree incluse nella sua asta di acque poco profonde del 2019.

In quella tornata di offerte del 2019, un consorzio di Shell e BP ha presentato offerte per tre dei sei blocchi offerti. Le offerte sono state respinte dal Governo perché non hanno raggiunto la soglia minima.