Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Esclusivo: Gli Stati Uniti rallentano le fusioni di petrolio e gas - fonti

21-10-2021 | 17:35
FILE PHOTO: Dust blows around a crude oil pump jack and flare burning excess gas at a drill pad in the Permian Basin in Loving County

I regolatori antitrust degli Stati Uniti hanno esteso il processo di approvazione per almeno cinque fusioni e acquisizioni di petrolio e gas negli ultimi tre mesi, mentre l'amministrazione del presidente Joe Biden esamina gli accordi nel tentativo di affrontare l'impennata dei prezzi dell'energia, secondo le limature normative e gli avvocati aziendali.

Il rallentamento arriva in mezzo a una crescente pressione sui politici per rispondere all'angoscia dei consumatori per i prezzi al dettaglio della benzina alle stelle, mentre i futures del greggio americano hanno raggiunto i massimi pluriennali. La Casa Bianca ha chiamato i produttori di petrolio e gas degli Stati Uniti per chiedere come possono aiutare ad abbassare i prezzi, ha riferito Reuters la scorsa settimana.

La mossa è anche emblematica di una nuova spinta della Federal Trade Commission (FTC) per proteggere i consumatori, i lavoratori, l'ambiente e la società in generale. Sotto il suo nuovo presidente Lina Khan, il regolatore antitrust ha preso una posizione dura sugli accordi che vanno dalla tecnologia alla sanità.

Tale controllo è raro nel settore del petrolio e del gas, dove gli accordi tipicamente navigano oltre i regolatori, più di una dozzina di fonti del settore, tra cui avvocati e banchieri che forniscono consulenza sugli accordi energetici, hanno detto in interviste.

Questo perché queste aziende vendono la loro produzione ad un mercato globale, e il consolidamento regionale non ha alcun impatto sui prezzi dell'energia dettati dalla domanda e dall'offerta in tutto il mondo.

Maureen Ohlhausen, presidente di diritto antitrust e della concorrenza presso Baker Botts LLP, che ha servito come presidente ad interim della FTC da gennaio 2017 ad aprile 2018 sotto la precedente amministrazione Trump, ha definito lo scrutinio senza precedenti.

"Anche se i precedenti commissari democratici della FTC volevano un'applicazione attiva, all'industria veniva detto quali erano gli standard, gli accordi venivano esaminati e le cose andavano avanti. Questo è davvero diverso", ha detto Ohlhausen.

"Credo che il presidente della FTC, effettivamente, vorrebbe scoraggiare le fusioni".

Un portavoce della FTC ha rifiutato di commentare.

La FTC sta sottoponendo più accordi alle cosiddette seconde richieste, cercando ulteriori informazioni e documenti, hanno detto i consulenti dell'affare e i documenti mostrano. Le seconde richieste possono ritardare l'autorizzazione regolamentare degli affari di diversi mesi.

"Sono a conoscenza di due fusioni negli ultimi due mesi in cui il personale della FTC non ha visto la necessità di emettere una seconda richiesta, ma è stato respinto dalla loro gestione", ha detto Darren Tucker, presidente della pratica antitrust allo studio legale Vinson & Elkins LLP. Ha rifiutato di nominare i due accordi.

Tra le transazioni proposte che hanno ricevuto una seconda richiesta a settembre c'erano l'acquisto da 2,6 miliardi di dollari di Sinclair Oil da parte di HollyFrontier Corp e la vendita da 140 milioni di dollari di Vertex Energy Inc di attività di raccolta e riciclaggio di olio motore a Safety-Kleen Systems Inc, come mostrano i documenti normativi.

La società di private equity EnCap Investments ha proposto l'acquisizione da 1,5 miliardi di dollari del produttore di petrolio e gas EP Energy ha anche ricevuto una seconda richiesta nelle ultime settimane, secondo persone che hanno familiarità con la questione.

EnCap e EP Energy non hanno risposto alle richieste di commento.

Le fonti hanno indicato che ci sono state altre transazioni che hanno ricevuto seconde richieste nelle ultime settimane, ma hanno rifiutato di identificarle.

Le seconde richieste che coinvolgono i produttori di petrolio e di gas sono rare, ed è più comune che la FTC esamini gli accordi che coinvolgono le condutture e le stazioni di servizio. L'operatore di pipeline Energy Transfer LP ha detto a maggio di aver ricevuto una seconda richiesta sulla sua proposta di acquisizione da 7,2 miliardi di dollari di Enable Midstream Partners LP.

RISCHI DEL DEALMAKING

Lo

scrutinio della FTC minaccia di frenare il dealmaking nella zona petrolifera, che era già sceso a 18,5 miliardi di dollari di fusioni e acquisizioni tra i produttori statunitensi di petrolio e gas nel terzo trimestre, in calo dai 33,4 miliardi di dollari del secondo trimestre, secondo la società di analisi dei dati Enverus.


Graphic: M&A dei produttori di petrolio e gas degli Stati Uniti,

La Casa Bianca ha reso pubbliche le sue richieste alla FTC di agire mentre la riapertura delle economie di tutto il mondo all'indomani della pandemia di COVID-19 fa aumentare il consumo di energia. Brian Deese, direttore del Consiglio economico nazionale, ha scritto in agosto alla presidente della FTC Khan chiedendole di indagare sull'impennata dei prezzi dell'energia.

La Khan ha risposto che la FTC esaminerà il consolidamento tra gli operatori delle stazioni di servizio, ma anche il dealmaking nell'industria energetica più in generale.

La Casa Bianca di Biden ha già irritato l'industria del petrolio e del gas rendendo il cambiamento climatico una priorità nella sua agenda amministrativa. Ha temporaneamente fermato l'emissione di nuovi contratti di locazione per la perforazione su terreni federali e ha proposto di porre fine ad alcuni sussidi per i combustibili fossili. Le compagnie energetiche sostengono che queste mosse faranno salire i costi dell'energia.

Per essere sicuri, non è chiaro se la FTC cercherà di bloccare qualcuno degli accordi energetici che ha sottoposto a seconde richieste.

Il regolatore non ha sfidato una grande fusione di produttori di petrolio e di gas dall'acquisizione da 27 miliardi di dollari della BP Plc della Atlantic Richfield Co nel 2000. Ha fatto causa per bloccare la fusione e ha accettato di abbandonare le sue obiezioni solo dopo che la BP si è offerta di cedere la produzione di petrolio in Alaska.

Un test importante per la FTC sarà la proposta di acquisizione da 9,5 miliardi di dollari della Royal Dutch Shell Plc delle attività di Permian Basin della ConocoPhillips. È stata annunciata il mese scorso, e qualsiasi seconda richiesta della FTC verrebbe fatta nelle prossime settimane.

Shell e ConocoPhillips hanno rifiutato di commentare

.


ę MarketScreener con Reuters 2021
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BELIEVE 0.10%17.658 Prezzo in tempo reale.0.00%
VERTEX ENERGY, INC. -4.90%4.46 Prezzo in differita.526.58%
Ultime notizie "Economia & Forex"
05:17Le azioni indiane scivolano sulle preoccupazioni della variante Omicron
MR
05:03Le morti giornaliere di covid-19 dell'india aumentano di 211, il totale dei morti raggiunge i 473.537 - ministero della salute
MR
05:03I casi totali di covid-19 in india raggiungono i 34,64 mln - ministero della salute
MR
02:30MUKESH AMBANI: I venditori indiani minacciano interruzioni di fornitura per protestare contro Reliance
MR
05/12Bukele aumenta la scommessa di El Salvador sul bitcoin scorrevole; compra altre 150 monete
MR
05/12Bitcoin scende del 9,2% a 48.782 dollari
MR
04/12Bitcoin scende dell'8,4% a 49.228,82 dollari
MR
04/12Bitcoin crolla del 9,95% a 48.397,56 dollari
MR
04/12Bitcoin crolla di un quinto
MR
04/12Telecom Italia vicina a scegliere i consulenti per l'affare KKR - fonti
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"