Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietąMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaAgendaSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Greggio, Brent tocca 71 $, massimi da marzo, su prospettive domanda

01-06-2021 | 12:37
Una pompa petrolifera vicino a Granum, Alberta, in Canada

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio avanzano, con il Brent che tocca 71 dollari ai massimi da marzo, sulle crescenti aspettative di un aumento della domanda di carburante durante la stagione estiva negli Stati Uniti, il primo consumatore di petrolio al mondo.

I prezzi sono sostenuti anche dai dati cinesi sull'attività manifatturiera a maggio, cresciuta al ritmo più rapido di quest'anno.

Intorno alle 11,50 italiane, i futures sul Brent per consegna ad agosto guadagnano 1,39 dollari, o il 2%, a 70,71 dollari il barile. I futures sul greggio Usa per luglio avanzano a 68,10 dollari il barile, in rialzo di 1,78 dollari o del 2,7% dalla chiusura di venerdì. Per la seduta di ieri non c'è un prezzo finale a causa della festività negli Usa.

Durante la sessione il Brent ha toccato un massimo di 71 dollari, il prezzo intraday più alto dall'8 marzo.

"Anche se ci sono preoccupazioni per le restrizioni più rigide per il Covid-19 in diverse parti dell'Asia, il mercato sembra più concentrato sulla narrativa positiva della domanda dagli Stati Uniti e da alcune parti dell'Europa", scrivono gli analisti di Ing Economics in una nota.

Secondo GasBuddy, la domanda di benzina statunitense di domenica, durante il weekend del Memorial Day, è balzata del 9,6% sopra la media delle quattro domeniche precedenti, la domanda domenicale più alta dall'estate del 2019.

L'aumento dei prezzi è limitato, tuttavia, dalle aspettative dell'arrivo sul mercato di ulteriore offerta.

Secondo fonti Opec, l'organizzazione e i paesi alleati probabilmente concorderanno di continuare ad allentare lentamente i limiti all'offerta in occasione del meeting di oggi, con i produttori che tentano di bilanciare la ripresa prevista per la domanda e un possibile aumento della produzione iraniana.

"Non ci sono segnali di divisione all'interno del gruppo e prevediamo che manterrà una direzione stabile con un ottimo controllo del mercato", ha detto Bjarne Schieldrop, analista Seb a Oslo.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)


© Reuters 2021
Ultime notizie "Economia & Forex"
11:52B.P.LAJATICO: utile netto 1* sem. a 3,329 mln (0,633 mln in 1* sem. 2020)
DJ
11:49INDUSTRIA: Unc; ottimi dati, +9,5% su valori pre-Covid
DJ
11:44INDUSTRIA: Istat; +0,9% m/m fatturato luglio, +19,1% a/a
DJ
11:41Forex, dollaro australiano in rialzo su Evergrande, dollaro Usa aspetta Fed
RE
11:41RIFIUTI: dal Mite 1,5 mld per raccolta differenziata e riciclo
DJ
11:40ASTE BOND: Germania colloca 1,862 mld euro Bund 2036 al -0,06%
DJ
11:21FISCO: Regioni, coordinare riforma con attuazione federalismo
DJ
11:03TOP STORIES ITALIA: azionario consolida in attesa Fed
DJ
11:03TOP STORIES ITALIA: Istat conferma calo eccezionale Pil 2020, -8,9%
DJ
11:03TOP STORIES ITALIA: cinema e teatri verso capienza all'80%
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"