Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Il tetto del prezzo del petrolio del G7 non Ŕ responsabile delle code delle petroliere in Turchia, dice l'UE

09-12-2022 | 10:58
Oil tankers wait at anchorage in the Black Sea off Kilyos near Istanbul

Il tetto ai prezzi del petrolio russo imposto dai Paesi del Gruppo dei Sette non Ŕ responsabile della coda di petroliere che aspettano nel Mar Nero per passare attraverso lo Stretto del Bosforo di Istanbul e dirigersi verso il Mediterraneo, ha dichiarato la Commissione Europea.

Il numero di navi in coda nel Mar Nero è salito venerdì a 20, secondo l'agenzia marittima Tribeca, in mezzo ai colloqui per disperdere l'accumulo.

Dall'inizio del mese, la Turchia ha richiesto alle navi di fornire una prova di assicurazione che copra il loro transito attraverso lo stretto del Bosforo o quando fanno scalo nei porti turchi, il che sta causando un ingorgo.

Le code hanno coinciso con l'introduzione di un piano questa settimana da parte dei Paesi del G7 e dell'Unione Europea per impedire agli assicuratori di aiutare l'esportazione di petrolio russo via nave, a meno che non venga venduto ad un prezzo massimo, nel tentativo di ridurre le entrate petrolifere di Mosca.

"Questa situazione non è dovuta al tetto del prezzo del petrolio fissato dal G7, dal momento che esiste in ogni caso un periodo di 45 giorni per la liquidazione del greggio russo acquistato via mare prima del 5 dicembre", ha dichiarato un portavoce della Commissione Europea a Reuters in un commento inviato via e-mail.

In base al periodo di transizione dello schema del G7, che durerà fino al 19 gennaio, i servizi, come l'assicurazione, possono ancora essere forniti per il greggio russo trasportato via mare acquistato prima del 5 dicembre, anche se è stato acquistato ad un prezzo superiore al limite massimo.

Il portavoce della Commissione ha affermato che dopo questo periodo di transizione, le autorità turche potranno continuare a verificare le polizze assicurative delle petroliere "esattamente come prima".

"Siamo quindi in contatto con le autorità turche per cercare chiarimenti e stiamo lavorando per sbloccare la situazione", ha detto il portavoce.

Giovedì, respingendo le pressioni dall'estero per l'allungamento della coda, l'autorità marittima turca ha dichiarato che continuerà a tenere fuori dalle sue acque le petroliere che non hanno le lettere di assicurazione appropriate, e che ha bisogno di tempo per i controlli.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BRENT OIL 0.38%82.39 Prezzo in differita.-3.41%
S&P GSCI CRUDE OIL INDEX 0.04%416.3651 Prezzo in tempo reale.-4.05%
US DOLLAR / TURKISH LIRA (USD/TRY) 0.11%18.81919 Prezzo in differita.0.62%
WTI 0.56%76.175 Prezzo in differita.-4.63%
Ultime notizie "Economia"
15:26Intesa Sanpaolo : ceo, stime al 2025 forse troppo prudenziali rispetto a scenario
DJ
15:22Intesa Sanpaolo : ceo, outlook 2023 fa presagire che remunereremo bene azionisti
DJ
15:21Banche: Elderson, attendiamo pieno allineamento su politiche rischi C&E entro 2024
DJ
15:19Orrick: al via seconda edizione della Finance Law Academy
DJ
15:18Taseko è in trattative con Sojitz per l'acquisizione di azioni di Gibraltar Mines
MR
15:18Eurozona: indagine Bce fra economisti alza l'inflazione 2023-24
AW
15:16Banche: Elderson, prestiti non green non più compatibili con sana gestione rischio
DJ
15:16La Cina si rammarica che il dirigibile si allontani dagli Stati Uniti - Ministero degli Esteri
MR
15:13Hera-Elior: risparmiate 17 tonnellate CO2 con riciclo oli vegetali esausti
DJ
15:11Analisi: da Meta a Microsoft, è arrivato il grande momento dell'AI
MR
Ultime notizie "Economia"