Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Le azioni asiatiche ripongono le loro speranze nell'apertura della Cina, mentre il petrolio si impenna

05-12-2022 | 01:27
FILE PHOTO: People pass by an electronic screen showing Japan's Nikkei share price index inside a conference hall  in Tokyo

Le azioni asiatiche hanno registrato un rialzo lunedý, in quanto gli investitori speravano che le misure per allentare le restrizioni sulla pandemia in Cina potessero alla fine illuminare le prospettive della crescita globale e della domanda di materie prime, anche se la piena libertÓ potrebbe essere lontana mesi.

La notizia ha aiutato i prezzi del petrolio a mantenersi stabili, mentre i Paesi OPEC+ hanno riaffermato i loro obiettivi di produzione prima del divieto dell'Unione Europea e dei limiti di prezzo sul greggio russo, che inizieranno lunedì. [O/R]

Altre città cinesi hanno annunciato un allentamento delle restrizioni sul coronavirus domenica, mentre Pechino cerca di rendere la sua politica zero-COVID più mirata e meno onerosa dopo le recenti proteste senza precedenti contro le restrizioni.

"Sebbene l'allentamento di alcune restrizioni non equivalga ancora ad un allontanamento totale dalla strategia dinamica zero COVID, è un'ulteriore prova di un approccio mutevole e i mercati finanziari sembrano essere fermamente concentrati sulle prospettive a lungo termine rispetto al colpo subito dall'attività, dato che i casi di virus sembrano destinati a continuare", ha dichiarato Taylor Nugent, economista di NAB.

L'indice più ampio dell'MSCI delle azioni dell'Asia-Pacifico al di fuori del Giappone ha aggiunto lo 0,2%, dopo aver guadagnato il 3,7% la scorsa settimana, raggiungendo un massimo di tre mesi.

Il Nikkei giapponese è rimasto quasi piatto, mentre la Corea del Sud è scesa dello 0,1%. I futures dell'S&P 500 sono scivolati dello 0,2%, mentre quelli del Nasdaq sono scesi dello 0,1%.

I mercati hanno perso un po' di slancio alla fine della scorsa settimana, dopo che il robusto rapporto sui salari degli Stati Uniti di novembre ha messo in discussione le speranze di una Federal Reserve meno aggressiva, anche se i Treasury hanno chiuso la scorsa settimana con solidi guadagni.

In effetti, i rendimenti dei titoli a 10 anni sono scesi di 74 punti base dall'inizio di novembre, annullando di fatto gran parte dell'inasprimento dell'ultimo rialzo dei tassi della Fed.

I mercati scommettono che i tassi della Fed arriveranno al 5% e la Banca Centrale Europea al 2,5%.

"Ma la domanda di lavoro negli Stati Uniti e nell'area dell'euro rimane sorprendentemente forte e, insieme al recente allentamento delle condizioni finanziarie, i rischi si stanno spostando verso tassi terminali più alti del previsto sia per la Fed che per la BCE", avverte Bruce Kasman, responsabile della ricerca economica di JPMorgan.

"La combinazione della resilienza del mercato del lavoro e dell'inflazione salariale appiccicosa aumenta il rischio che la Fed fornisca una previsione di tassi superiori al 5% durante la sua prossima riunione e che la conferenza stampa del Presidente Jerome Powell si sposti verso una guida più aperta riguardo a qualsiasi tetto massimo dei tassi a breve termine".

DOLLARO VULNERABILE

La Fed si riunisce il 14 dicembre e la BCE il giorno successivo. Parlando domenica, il capo della banca centrale francese Francois Villeroy de Galhau ha detto di essere favorevole ad un rialzo di mezzo punto la prossima settimana.

Si prevede che le banche centrali di Australia, Canada e India aumenteranno i loro tassi nelle riunioni di questa settimana.

Il forte calo dei rendimenti statunitensi ha avuto ripercussioni sul dollaro, che la scorsa settimana è sceso dell'1,4% su un paniere di valute, toccando il minimo da giugno.

Ha perso il 3,5% solo sullo yen e l'ultima volta è stato scambiato a 134,39, lasciando il picco di ottobre di 151,94 un lontano ricordo. L'euro si è attestato a 1,0536 dollari, dopo aver guadagnato l'1,3% la scorsa settimana, raggiungendo il massimo da inizio luglio. [USD/]

Il calo del dollaro e dei rendimenti è stato un vantaggio per l'oro, che oscillava a 1.797 dollari l'oncia dopo essere salito del 2,3% la scorsa settimana, toccando un massimo di quattro mesi. [GOL/]

I prezzi del petrolio sono rimbalzati dopo che l'OPEC+ ha concordato di attenersi ai suoi obiettivi di produzione di petrolio durante la riunione di domenica.

Il Gruppo dei Sette e gli Stati dell'Unione Europea dovranno imporre lunedì un tetto di prezzo di 60 dollari al barile sul petrolio russo trasportato via mare, anche se non è ancora chiaro quale impatto avrà sull'offerta e sui prezzi globali.

Il Brent ha guadagnato 1,14 dollari a 86,71 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è salito di 1,00 dollari a 80,98 dollari al barile.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / EURO (AUD/EUR) 0.02%0.64854 Prezzo in differita.1.97%
AUSTRALIAN DOLLAR / JAPANESE YEN (AUD/JPY) -1.02%90.956 Prezzo in differita.2.67%
AUSTRALIAN DOLLAR / US DOLLAR (AUD/USD) -0.91%0.708 Prezzo in differita.3.48%
BRENT OIL -0.20%82.88 Prezzo in differita.-0.55%
BRITISH POUND / EURO (GBP/EUR) -0.17%1.12281 Prezzo in differita.0.32%
BRITISH POUND / JAPANESE YEN (GBP/JPY) -1.16%157.445 Prezzo in differita.0.95%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) -1.04%1.22572 Prezzo in differita.1.76%
CANADIAN DOLLAR / EURO (CAD/EUR) 0.54%0.687848 Prezzo in differita.0.33%
CANADIAN DOLLAR / JAPANESE YEN (CAD/JPY) -0.45%96.434 Prezzo in differita.1.05%
CANADIAN DOLLAR / US DOLLAR (CAD/USD) -0.31%0.75084 Prezzo in differita.1.80%
EURO / JAPANESE YEN (EUR/JPY) -0.99%140.22 Prezzo in differita.0.68%
EURO / US DOLLAR (EUR/USD) -0.88%1.0916 Prezzo in differita.1.48%
INDIAN RUPEE / EURO (INR/EUR) 0.32%0.011173 Prezzo in differita.-0.36%
INDIAN RUPEE / JAPANESE YEN (INR/JPY) -0.73%1.567226 Prezzo in differita.0.31%
INDIAN RUPEE / US DOLLAR (INR/USD) -0.36%0.012194 Prezzo in differita.1.10%
JAPANESE YEN / SWISS FRANC (JPY/CHF) 0.72%0.71 Prezzo in differita.-0.04%
NASDAQ COMPOSITE 2.96%12168.23 Prezzo in tempo reale.12.90%
NEW ZEALAND DOLLAR / JAPANESE YEN (NZD/JPY) -0.48%83.363 Prezzo in differita.0.59%
NEW ZEALAND DOLLAR / US DOLLAR (NZD/USD) -0.37%0.64906 Prezzo in differita.1.40%
NIKKEI 225 0.20%27402.05 Prezzo in tempo reale.4.80%
US DOLLAR / EURO (USD/EUR) 0.87%0.91617 Prezzo in differita.-1.46%
US DOLLAR / JAPANESE YEN (USD/JPY) -0.11%128.451 Prezzo in differita.-0.76%
WTI -0.40%76.683 Prezzo in differita.-1.72%
Ultime notizie "Economia"
18:07Gas : Besseghini, guardare avanti con più ottimismo rispetto a 2 mesi fa
DJ
18:05Consiglio Bce verso almeno altri due rialzi tassi, in maggio da 25 o 50 punti- fonti
RE
18:01TOP STORIES ITALIA : famiglie hanno speso oltre 2 mld euro online in 2022 (NielsenIQ)
DJ
17:59Gas : Bergamotto (Mimit), calo bollette è ossigento per imprese
DJ
17:54Gas : Vignola (Unc), ottima notizia calo bollette ma resta emergenza
DJ
17:54Cnh I.: cfo; buone prospettive per 2023 grazie ad agricoltura forte (Class-Cnbc)
DJ
17:48Cnh I. : Cfo; delisting non è bocciatura Italia, è pura meccanica di mercato (Class-Cnbc)
DJ
17:48Tinexta : completato l'investimento da 100 mln di Bregal Milestone in InfoCert
DJ
17:46Assicurazioni : Area Brokers Industria entra in Pib Group
DJ
17:42Borsa Milano sale dopo Bce, volano Tim e Ferrari, affonda Cnh
RE
Ultime notizie "Economia"