Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     

CIR S.P.A. - COMPAGNIE INDUSTRIALI RIUNITE

(CIR)
  Rapporto
Tempo differito Borsa Italiana  -  17:35:02 02/02/2023
0.4435 EUR   -1.55%
05/01Cir : perdita qualifica Pmi per superamento soglia capitalizzazione
DJ
02/01Cir : al 2,22% del capitale dopo ultimi buyback
DJ
2022Cir : sigla accordo per vendita complesso immobiliare a Merope
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Industria: Macron convoca i colossi Ue (MF)

22-11-2022 | 09:42

ROMA (MF-DJ)--Emmanuel Macron chiama a rapporto i grandi dell'industria europea. Ieri il presidente francese ha convocato per una cena all'Eliseo alcuni rappresentanti dell'European Round Table for Industry (Ert).

L'associazione riunisce circa 60 amministratori delegati e presidenti delle maggiori imprese del Vecchio Continente. Ne sono membri, fra gli altri, i vertici di Iberdrola, Merck, Mercedes, BP, Volvo, Shell e Bmw. Per l'Italia aderiscono all'Ert Alessandro Profumo di Leonardo, Gianfelice Rocca del gruppo Techint, Rodolfo De Benedetti di Cir e Claudio De Scalzi di Eni. Ai campioni dell'industria Macron chiederà di non delocalizzare la produzione negli Stati Uniti, continuando a investire in Europa e soprattutto in Francia. Già lo scorso giugno il presidente aveva invitato all'Eliseo le 40 principali aziende Ue attive nel Paese, fra cui Atlantia. Allora il raduno era servito per illustrare le linee programmatiche del nuovo quinquennio di Macron, appena rieletto per un secondo mandato. La nuova convocazione risponde a esigenze più urgenti e di respiro europeo. Macron e Bruxelles temono infatti che i piani approvati dall'amministrazione Biden possano spingere diverse imprese europee a spostare quote significative di produzione negli Stati Uniti. Il Bipartisan Infrastructure Law, il Chips & Science Act e l'Inflation Reduction Act mobiliteranno nel complesso circa duemila miliardi di dollari di incentivi per accelerare la transizione tecnologica e sostenibile del Paese. I sostegni pubblici sono spesso agganciati alla produzione sul suolo americano, con l'obiettivo di sostenere il Made in Usa.

Così è per esempio nel settore auto, dove l'entità degli incentivi all'acquisto di vetture elettriche dipenderà dalla quota di produzione in Usa. Questi meccanismi protezionistici hanno suscitato le proteste delle istituzioni europee e dei governi dei Paesi membri. Il sospetto è che Washington voglia sfruttare la crisi energetica per sottrarre investimenti all'Ue in settori strategici quali mobilità, spazio, infrastrutture e rinnovabili. Parigi sta cercando di coordinare una reazione europea in vista del viaggio di Macron alla Casa Bianca in programma a inizio dicembre. «Ricorderemo ai rappresentanti delle imprese che tra pochi giorni andremo a Washington e difenderemo gli interessi francesi ed europei di fronte all'Inflation Reduction Act, una legislazione che protegge esclusivamente le aziende americane», ha rimarcato il ministro delle Finanze Bruno Le Maire anticipando lo spirito della cena all'Eliseo.

Lo stesso Le Maire ha incontrato ieri a Parigi l'omologo tedesco Christian Lindner per discutere una risposta comune all'offensiva industriale avanzata dall'alleato americano. Possibile che i due concordino un piano per riservare i sussidi all'acquisto alle auto elettriche prodotte in Ue, imitando la misura adottata poche settimane fa dall'amministrazione americana. Il governo Meloni per il momento non si è espresso sul punto. Fabrizio Pagani, presidente di M&M e senior advisor di Vitale & Co, ha proposto l'introduzione di un Reshoring Act per attrarre aziende in Italia.

Oggi intanto toccherà al commissario Ue al Mercato Interno Thierry Breton incontrare i vertici dell'Ert in occasione del suo forum annuale. Di recente l'associazione ha lanciato un allarme sulla competitività dell'industria europea lamentando gli elevati costi dell'energia e la carenza di investimenti in settori critici per l'autonomia produttiva.

alu

fine

MF-DJ NEWS

2209:40 nov 2022


(END) Dow Jones Newswires

November 22, 2022 03:41 ET (08:41 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AB VOLVO 2.79%213.8 Prezzo in differita.10.36%
ATLANTIA SPA 0.00%22.99 Prezzo di chiusura.0.00%
BMW AG 2.65%97.79 Prezzo in differita.14.26%
CIR S.P.A. - COMPAGNIE INDUSTRIALI RIUNITE -1.55%0.4435 Prezzo in differita.3.68%
ENI SPA -0.69%13.75 Prezzo in differita.4.22%
IBERDROLA, S.A. -0.09%10.74 Prezzo in differita.-1.65%
WTI -1.07%75.795 Prezzo in differita.-1.72%
Tutte le notizie su CIR S.P.A. - COMPAGNIE INDUSTRIALI RIUNITE
05/01Cir : perdita qualifica Pmi per superamento soglia capitalizzazione
DJ
02/01Cir : al 2,22% del capitale dopo ultimi buyback
DJ
2022Cir : sigla accordo per vendita complesso immobiliare a Merope
DJ
2022Industria: Macron convoca i colossi Ue (MF)
DJ
2022Sogefi: risultati in crescita nei primi nove mesi del 2022
PU
2022F2i: saluta le farmacie (Milano Finanza)
DJ
2022Cir : ok soci annullamento azioni e nuovo buy back
DJ
2022Cir : dal 16 al 19/8 acquistate 147.000 azioni proprie
DJ
2022Cir S P A Compagnie Industriali Riun: Informativa sul piano di acquisto azioni proprie
PU
2022Cir S P A Compagnie Industriali Riun: Informativa sul piano di acquisto azioni proprie
PU
Altre news
Dati finanziari
Fatturato 2022 2 283 M 2 496 M -
Risultato netto 2022 28,0 M 30,6 M -
Indebitamento netto 2022 327 M 358 M -
P/E ratio 2022 22,2x
Rendimento 2022 1,13%
Capitalizzazione 479 M 524 M -
VS / Fatturato 2022 0,35x
VS / Fatturato 2023 0,33x
N. di dipendenti 17 424
Flottante 46,9%
Grafico CIR S.P.A. - COMPAGNIE INDUSTRIALI RIUNITE
Durata : Periodo :
CIR S.p.A. - Compagnie Industriali Riunite: grafico analisi tecnica CIR S.p.A. - Compagnie Industriali Riunite | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica CIR S.P.A. - COMPAGNIE INDUSTRIALI RIUNITE
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleNeutraleNeutrale
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media Buy
Numero di analisti 2
Ultimo prezzo di chiusura 0,44 €
Prezzo obiettivo medio 0,58 €
Differenza / Target Medio 29,7%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Monica Mondardini Chief Executive Officer & Director
Michele Cavigioli Chief Financial Officer
Rodolfo de Benedetti Chairman
Paola Dubini Independent Non-Executive Director
Maria Serena Porcari Independent Non-Executive Director
Settore e Concorrenza