Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

Dopo il crollo della diga sudafricana, i rifiuti della miniera saranno pompati in un pozzo storico

15-09-2022 | 21:05

Un'azienda sudafricana sta scaricando il sottoprodotto fangoso dell'estrazione mineraria in una storica cava di diamanti, dopo che la diga di sterili che aveva immagazzinato i rifiuti Ŕ parzialmente crollata, uccidendo una persona e lasciandone altre ferite.

L'agenzia governativa che supervisiona la conservazione culturale ha dichiarato giovedì di aver approvato i piani per riempire la storica miniera di diamanti di Jagersfontein con i rifiuti di un secondo compartimento della diga degli sterili, al fine di prevenire una seconda rottura dopo il cedimento di un compartimento della diga.

I documenti pubblici mostrano che Jagersfontein Developments, l'azienda che ritratta i vecchi sterili intorno al pozzo in disuso per recuperare i diamanti, ha presentato cinque domande negli ultimi dieci anni all'Agenzia per le Risorse del Patrimonio Sudafricano (SAHRA), chiedendo il permesso di immagazzinare i rifiuti liquidi della miniera, che sono un sottoprodotto di tale ritrattamento, nel pozzo anziché nella diga.

L'ultima richiesta è stata presentata il 17 agosto, solo quattro settimane prima del disastro della diga di sterili.

Una decisione precedente di spostare i rifiuti nella fossa avrebbe potuto alleviare la pressione sulla diga di sterili che è scoppiata domenica mattina, scatenando un'inondazione di fango grigio che ha spazzato via case e automobili a Jagersfontein, una piccola città nella provincia dello Stato Libero del Sudafrica.

Ma il pozzo, la più antica e più grande miniera di diamanti scavata a mano al mondo, è classificato come sito storico e il suo riempimento richiede l'approvazione di SAHRA.

Il Dipartimento per l'Acqua e l'Igiene ha autorizzato il pompaggio "immediato" della melma dal secondo compartimento della diga di sterili nella fossa lunedì, il giorno dopo lo scoppio della diga, spingendo la SAHRA ad approvare il riempimento giovedì.

"Poiché la città di Jagersfontein si trova in uno stato di disastro a causa del crollo della diga di sterili (...) non sono necessarie ulteriori valutazioni dell'impatto sulle risorse del patrimonio", ha dichiarato la SAHRA, aggiungendo di non avere obiezioni al piano presentato il 17 agosto.

Jagersfontein Developments ha presentato la prima domanda di riempimento della fossa storica nel settembre 2012, e SAHRA le ha concesso il permesso nel giugno 2013, ma il Jagersfontein Community Trust ha fatto appello alla decisione e l'azienda ha ritirato la domanda nel gennaio 2014.

La SAHRA ha dichiarato che le successive richieste presentate da Jagersfontein Developments nel 2018, 2019 e 2020 erano incomplete.

I cercatori di fortuna attratti dalla corsa ai diamanti del Sudafrica iniziarono a scavare a Jagersfontein nel 1870. Nel 1907 il pozzo era più grande persino del più famoso "Big Hole" di Kimberley, e raggiungeva una profondità di 250 metri (820 piedi).

Da allora è passata di mano più volte.

De Beers, l'unità mineraria di diamanti di Anglo American Plc, è stata l'ultima azienda ad estrarre Jagersfontein fino al 1971, vendendo la miniera e le discariche a secco circostanti nel 2010 al Consorzio Superkolong.

Stargems Group, con sede a Dubai, ha acquistato le attività dal fondo di investimento lussemburghese Reinet nell'aprile 2022. Reuters non ha potuto stabilire immediatamente quando Reinet ha acquistato Jagersfontein da Superkolong, e Reinet non ha risposto alle richieste di commento.

Né Stargems né Jagersfontein Development, una filiale di Stargems, hanno risposto alle domande sui loro piani di riempimento della fossa.

Il disastro di domenica ha sollevato domande sulla supervisione di centinaia di dighe di sterili disseminate in tutto il Sudafrica.

Nel 2007 l'Alta Corte del Sudafrica ha stabilito che le discariche di Jagersfontein non rientrano nella sfera di competenza del Ministero delle Miniere, il che significa che le aziende che lavorano le discariche non hanno bisogno di una licenza mineraria.

Visitando Jagersfontein martedì, il Ministro dei Minerali e dell'Energia Gwede Mantashe ha criticato la sentenza, affermando che dovrebbe essere "rivista" in modo che il Ministero possa ispezionare le dighe di sterili.

"Una diga (di sterili) non è affidabile, può rompersi in qualsiasi momento", ha detto in un video pubblicato sul suo account Twitter.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ANGLO AMERICAN PLC 3.59%3407.5 Prezzo in differita.9.07%
DOW JONES AFRICA TITANS 50 INDEX 1.24%473.44 Prezzo in tempo reale.-13.44%
DOW JONES SOUTH AFRICA(ZAR) 2.39%2032.8 Prezzo in tempo reale.0.01%
GOLD 0.74%1762.46 Prezzo in differita.-4.82%
S&P AFRICA 40 INDEX 2.39%156.75 Prezzo in tempo reale.-12.55%
S&P GSCI GOLD INDEX 0.44%1031.32 Prezzo in tempo reale.-3.59%
SILVER 3.56%21.986 Prezzo in differita.-10.16%
Ultime notizie "Economia"
20:37Powell, moderare velocità rialzi tassi forse già a dicembre
AW
20:36Ue rivoluziona il packaging, è scontro con Roma e Parigi
AW
19:41Camera approva misura che evita lo sciopero ferroviario
AW
19:32Nota di chiusura
DJ
19:32L'agenda di domani - Energy Bruxelles
DJ
19:32L'agenda di domani - Energy e sostenibilitá
DJ
19:32L'agenda di domani - Energy Corporate
DJ
19:32Dpam : 23 fondi con Certificazione Cei
DJ
19:32Expert.ai : Cda delibera aumento capitale
DJ
19:32Translink : nella cessione di Areco Italia a Briolf Group
DJ
Ultime notizie "Economia"