Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrazione
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietÓMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaProfessionisti della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Zona Euro, inflazione luglio a 8,9% a/a, inflazione core in forte aumento

18-08-2022 | 11:15
Bandiere della zona euro davanti alla Commissione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - L'inflazione della zona euro ha raggiunto un nuovo record dell'8,9% su base annua nel mese di luglio, come confermato dai dati pubblicati oggi da Eurostat.

Anche la cosiddetta inflazione core, che esclude le componenti più volatili ed è di estrema importanza per la politica monetaria, ha registrato un forte aumento.

L'ufficio statistico dell'Unione europea Eurostat ha detto che i prezzi al consumo nei 19 Paesi che utilizzano l'euro sono aumentati dello 0,1% su base mensile a luglio, per un incremento dell'8,9% su base annua, il più alto mai registrato dalla creazione dell'euro nel 1999.

Eurostat ha detto che, sul totale, 4,02 punti percentuali provengono dall'aumento del costo dell'energia - i cui costi sono aumentati a causa dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia - e 2,08 punti percentuali dall'aumento del costo degli alimenti, dell'alcol e del tabacco.

Ma anche escludendo queste componenti più volatili, in quella che la Banca Centrale Europea chiama inflazione core e che osserva con attenzione al momento di prendere decisioni sui tassi di interesse, i prezzi sono aumentati del 5,1% su base annua a luglio.

L'obiettivo della Bce per l'inflazione complessiva è del 2,0%

Il mese scorso, la banca ha iniziato un ciclo di inasprimento dopo anni di politica monetaria espansiva, ma i prezzi dei servizi, che pesano per oltre i due terzi sul Pil della zona euro, sono comunque aumentati del 3,7% su base annua a luglio, aggiungendo 1,6 punti percentuali al risultato finale.

I beni industriali sono stati più cari del 4,5% rispetto a 12 mesi prima, aggiungendo 1,16 punti percentuali al dato finale.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)


ę Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AUSTRALIAN DOLLAR / EURO (AUD/EUR) -0.10%0.66984 Prezzo in differita.5.33%
BRITISH POUND / EURO (GBP/EUR) -0.33%1.11407 Prezzo in differita.-5.98%
CANADIAN DOLLAR / EURO (CAD/EUR) 0.05%0.75974 Prezzo in differita.8.86%
INDIAN RUPEE / EURO (INR/EUR) 0.45%0.012817 Prezzo in differita.8.09%
US DOLLAR / EURO (USD/EUR) 0.40%1.046397 Prezzo in differita.18.19%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.45%58.4109 Prezzo in differita.-21.89%
Ultime notizie "Economia & Forex"
05:09Lula aumenta il vantaggio su Bolsonaro a meno di una settimana dal voto brasiliano - sondaggio
MR
04:46Perché nessuna notizia può essere una buona notizia per gli investitori che osservano la Cina
MR
04:40Le azioni indiane sono destinate ad aprire in ribasso, mentre si profila il rischio di recessione
MR
04:31I mercati asiatici sono spaventati dal rischio di recessione, il dollaro sale
MR
04:28APPEC-La produzione di etilene in Cina costa 1.200-1.300 dollari/t in meno rispetto all'Europa - Shenghong Petchem exec
MR
04:27Il sito web di Fast Company chiude dopo l'hackeraggio del feed di Apple News
MR
03:49L'India vieta l'organizzazione islamica PFI per cinque anni
MR
03:40Yellen dice di 'monitorare' gli sviluppi del Regno Unito dopo il crollo della sterlina - FT
MR
03:31Australia : +0,6% vendite dettaglio agosto
DJ
03:18La sterlina ingoia il boccone amaro, il dollaro avanza grazie al discorso da falco della Fed
MR
Ultime notizie "Economia & Forex"