Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     

I Leader della Finanza

HomeTutte le notizieLe notizie pi¨ letteBiografie dei Leader della finanza 
Data di nascita : 02-01-1968
Luogo di nascita : Russia
Principali societÓ :
Nessuna connessione disponibile

Esclusivo: l'accordo sul dividendo di Nornickel decade, mentre Potanin e Deripaska evitano un nuovo litigio - fonti

07-09-2022 | 16:16
FILE PHOTO: A view shows Zapolyarny mine in Norilsk

Un accordo per limitare i dividendi di Nornickel, il principale produttore mondiale di palladio e nichel raffinato, scadrÓ alla fine di quest'anno, in quanto i suoi comproprietari evitano di rinnovare una disputa che potrebbe irritare il Cremlino, hanno dichiarato a Reuters tre fonti che hanno familiaritÓ con la questione.

Mosca ha mediato un accordo di 10 anni tra i due maggiori azionisti di Nornickel nel 2012 - l'uomo d'affari russo Vladimir Potanin e Rusal, allora controllata da Oleg Deripaska - proteggendo i pagamenti dei dividendi con una formula basata su un rapporto tra il debito e i guadagni.

L'accordo scade alla fine del 2022 e non ci sono trattative per rinnovarlo, hanno detto le fonti, perché né Potanin né Deripaska vogliono una disputa in un momento in cui Mosca affronta le sanzioni occidentali per quella che descrive come una "operazione militare speciale" in Ucraina.

I due, che sono due degli uomini d'affari più potenti della Russia, si sono scontrati in precedenza sulla quantità di profitti da restituire agli investitori e sulla quantità di investimenti in Nornickel. La holding di Potanin, Interros, possiede il 36% di Nornickel e Rusal il 26%.

Nornickel ha rifiutato di commentare. Interros non ha risposto a una richiesta di commento. Un rappresentante di Deripaska, che ha abbandonato il controllo di Rusal nel 2018, non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters.

Rusal ha dichiarato di essere "pronta a prendere in considerazione tutte le possibili opzioni di interazione con i nostri partner di Nornickel".

"I meccanismi previsti dall'accordo per controllare le decisioni chiave, la spesa dei fondi, le transazioni con le parti correlate... si sono dimostrati efficaci", ha dichiarato.

La faida su uno dei più grandi premi dell'industria russa post-sovietica risale al 2008, quando Rusal acquistò una partecipazione in Nornickel per 14 miliardi di dollari e Potanin si oppose ai tentativi di Deripaska di fondere le due società.

Dopo che i magnati si sono rivolti a un tribunale di Londra, il Cremlino ha cercato di ristabilire l'ordine: nel 2012 è stato introdotto un azionista di minoranza https://www.reuters.com/article/rusal-norilsk-abramovich-idUSL4N09E05B20121204 per fare da cuscinetto tra i due.

"Non è bello fare rumore inutile tra di loro in Russia ora", ha detto a Reuters una fonte che ha familiarità con il pensiero di entrambi gli azionisti. "È probabile che mettano in pausa la lotta e si concentrino sulla propria sopravvivenza".

Il rischio di ulteriori sanzioni contro la Russia per l'Ucraina, il rublo forte [RU/RUB] e i timori di una recessione globale e di un calo della domanda in Cina, stanno anche frenando la voglia di combattere.

"Naturalmente, il Governo non è interessato a grandi conflitti tra i principali azionisti di grandi aziende che impiegano molte migliaia di persone", ha dichiarato a Reuters il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Potanin ha detto a luglio che i dividendi nel 2022-2023 di Nornickel, che ha un valore di mercato di 43 miliardi di dollari, saranno inferiori ai pagamenti precedenti - la strategia che ha sostenuto per anni.

Per Rusal, ricevere dividendi non è così importante come lo era qualche anno fa, dopo aver ripagato parte del suo debito e ad agosto ha raccomandato il suo primo dividendo in cinque anni, dopo gli ottimi risultati del primo semestre.

'SCOMPARIRE SILENZIOSAMENTE'

L'accordo tra gli azionisti è stato riportato al centro dell'attenzione a luglio, quando Potanin ha affermato che un legame con Rusal potrebbe rafforzare le difese delle società contro le sanzioni.

Non si prevede che questa idea si concretizzi, in parte a causa delle sanzioni britanniche imposte a Potanin.

"L'accordo scomparirà silenziosamente il 31 dicembre", ha detto un'altra fonte, aggiungendo che anche se potrebbero esserci cambiamenti dell'ultimo minuto "ad oggi le possibilità che ciò accada sono scarse o nulle".

Nornickel rimane strategicamente importante per il Cremlino, in quanto dà lavoro a 72.000 persone e garantisce la stabilità sociale nella città artica di Norilsk.

Nel frattempo, gli esportatori di metalli russi sono stati sottoposti a pressioni per spendere di più per lo sviluppo in patria, piuttosto che per aumentare i dividendi, da quando il Presidente Vladimir Putin ha detto l'anno scorso di investire di più per il bene del Paese.

"Quello che sta accadendo ora in Occidente è una minaccia diretta ai diritti di proprietà dei nostri imprenditori", ha detto Peskov.

"Lo vedono, lo sanno e in queste condizioni, gli investimenti in Russia sono molto più sicuri di quelli in Europa o negli Stati Uniti", ha aggiunto.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
MINING AND METALLURGICAL COMPANY NORILSK NICKEL 1.03%16720 Prezzo di chiusura.-26.76%
PALLADIUM -0.20%1881 Prezzo in differita.0.00%
UNITED COMPANY RUSAL, INTERNATIONAL -1.01%3.94 Prezzo in differita.-49.67%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.93%62.2 Prezzo in differita.-17.93%