Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Notizie
Tutte le notizieSocietÓIndiciValute/ForexMaterie PrimeCriptovaluteETFTassiEconomiaTematicheSettori 

I raffinatori di petrolio statunitensi, le societÓ di oleodotti prevedono una forte domanda per il resto del 2022

09-08-2022 | 22:47
SFILE PHOTO: Gasoline prices are displayed at gas station in New Jersey

I raffinatori di petrolio e gli operatori di oleodotti statunitensi si aspettano che il consumo di energia sia forte nella seconda metÓ del 2022, anche se gli analisti e gli osservatori del settore hanno temuto che la domanda possa vacillare se l'economia globale entra in recessione o se i prezzi elevati del carburante scoraggiano i viaggiatori.

Le prospettive delle aziende suggeriscono una visione più forte rispetto ai dati recenti che mostrano la debolezza della domanda di carburante negli Stati Uniti, in particolare per quanto riguarda la benzina, dove il consumo ha recentemente toccato il livello più basso da febbraio, anche se siamo nel pieno della stagione di punta della guida estiva.

Il prodotto di benzina statunitense fornito nelle ultime quattro settimane è recentemente sceso sotto il livello del 2020 per lo stesso periodo dell'anno, quando gli Stati Uniti erano nel pieno della pandemia.

Le aziende energetiche, tra cui Energy Transfer LP e PBF Energy Inc, affermano che la domanda di energia sarà forte nella seconda metà del 2022, secondo un'analisi Reuters delle telefonate dei dirigenti delle aziende.

"Il management vede ciò che sta accadendo sul campo, quindi ogni volta che si parla di positività quando i dati sulla domanda mostrano il contrario, lo troviamo interessante", ha detto Kian Hidari, analista di Tudor, Pickering, Holt and Co. "Si tratta ancora di un ambiente forte per la benzina rispetto ai livelli storici".

Le raffinerie statunitensi stanno anche beneficiando delle elevate esportazioni di carburanti per il trasporto verso l'America Latina, e si prevede che gli impianti funzioneranno ad alti tassi di utilizzo per rifornire le scorte che sono state esaurite quando l'offerta di carburante è crollata all'inizio dell'anno.

Le esportazioni di prodotti petroliferi finiti da parte delle raffinerie sono state ampiamente in linea con le medie stagionali quinquennali, con 3,02 milioni di barili al giorno (bpd) a maggio, secondo gli ultimi dati disponibili, secondo la U.S. Energy Information Administration. Si tratta di un aumento di quasi il 65% rispetto al minimo pandemico raggiunto nel maggio 2020.

La produzione di petrolio degli Stati Uniti si è ripresa a 12,1 milioni di bpd, contribuendo ad aumentare i volumi delle condutture e dei terminali per molte aziende midstream nel secondo trimestre rispetto ad un anno fa. Energy Transfer ha registrato una performance del secondo trimestre più forte del previsto e ha aumentato la sua guidance per il resto dell'anno, ha dichiarato il co-amministratore delegato Thomas Long.

Delle 16 società midstream che hanno comunicato gli utili la scorsa settimana, più della metà ha rivisto al rialzo la guidance, ha detto James Mick, Gestore di Portafoglio presso Tortoise Capital Advisors.

La media di quattro settimane della domanda implicita di benzina è scesa a poco meno di 8,6 milioni di barili al giorno (bpd) nella settimana al 29 luglio, la più bassa da febbraio, secondo i dati dell'EIA, anche se le cifre settimanali possono essere volatili.

"Siamo costruttivi sulle prospettive dei carburanti per il trasporto, sostenuti da basse scorte di prodotti e da una sana domanda globale", ha dichiarato l'amministratore delegato di HF Sinclair Corp, Michael Jennings, durante una telefonata con gli analisti lunedì.

L'inflazione è alle stelle quest'anno, ma con l'inaspettata accelerazione della crescita dei posti di lavoro negli Stati Uniti a luglio, gli economisti sono meno preoccupati di una recessione imminente.

L'unico raffinatore statunitense che ha notato una certa contrazione della domanda nella sua telefonata sugli utili è stato CVR Energy Inc, in particolare nel mid-continent, che comprende Stati come il Kansas e l'Oklahoma, ha detto Hidari. L'azienda ha dichiarato di aver assistito a una distruzione della domanda, in quanto i consumatori rinunciano a guidare a causa dei prezzi al dettaglio della benzina che hanno superato i 4 dollari al gallone.


ę MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BRENT OIL 0.24%76.63 Prezzo in differita.-1.85%
CVR ENERGY, INC. -2.26%28.97 Prezzo in differita.76.32%
ENERGY TRANSFER LP -2.39%11.42 Prezzo in differita.44.71%
PBF ENERGY INC. -0.82%32.55 Prezzo in differita.153.05%
WTI -0.79%71.473 Prezzo in differita.-3.72%
Ultime notizie "Economia"
09/12L'azienda messicana Monex lancia il riacquisto di azioni in vista dell'uscita dal mercato
MR
09/12Il rally dell'azionario statunitense deve affrontare la sfida dei dati CPI, la riunione della Fed
MR
09/12Spirit Airlines raggiunge un accordo con i piloti sul nuovo contratto
MR
09/12FTX ha finanziato segretamente un sito di notizie sulla criptovaluta - Axios
MR
09/12Biden affronta una battaglia in salita nella disputa con Microsoft sull'accordo con Activision
MR
09/12Air India è vicina alla firma di un accordo per 150 jet Boeing 737 Max - Economic Times
MR
09/12Germania: primo terminal Gnl attivo dal 22 dicembre
AW
09/12Tornano le code per la benzina in Venezuela, mentre le raffinerie non riescono a produrre
MR
09/12I senatori statunitensi propongono una legge per aumentare la trasparenza delle banche regionali della Fed
MR
09/12Broadcom deve affrontare un'indagine antitrust dell'UE per l'accordo con VMware da 61 miliardi di dollari - fonti
MR
Ultime notizie "Economia"