Notizie: Ultime notizie
Ultime notizieSocietàMercatiEconomia & ForexMaterie PrimeTassiLeader della FinanzaPro. della FinanzaCalendarioSettori 
Tutte le notizieEconomiaValute & ForexCriptovaluteCybersecurityComunicati stampa

Le criptovalute si fermano dopo la batosta del fine settimana, altre valute aspettano la Fed

24-01-2022 | 21:08
FILE PHOTO: Representations of the Ripple, Bitcoin, Etherum and Litecoin virtual currencies are seen on motherboard in this illustration picture

Il dollaro è rimasto stabile lunedì in vista della riunione politica di gennaio della Federal Reserve degli Stati Uniti nel corso di questa settimana, mentre il bitcoin si è ammaccato vicino al minimo di sei mesi colpito nel fine settimana, ferito da un sell-off dei titoli tecnologici.

"La Fed ha tenuto i mercati al guinzaglio. E questa settimana, ancora una volta tirerà e tirerà", ha detto Frederic Neumann, co-responsabile della ricerca economica asiatica di HSBC, in una nota mattutina.

I tentativi di prevedere quando e quanto velocemente le banche centrali aumenteranno i tassi di interesse e concluderanno i programmi di stimolo lanciati quando COVID-19 ha colpito sono un fattore importante che guida i mercati valutari al momento.

"Ciò che spingerà gli investitori ad affrettarsi sarà la guida che il presidente Powell potrebbe dare nella sua conferenza stampa sulla stretta quantitativa più avanti nel 2022", ha detto Neumann, aggiungendo che non si aspettava un cambiamento di politica.

Il Federal Open Market Committee, che stabilisce i tassi della Fed, inizia la sua riunione di due giorni martedì, con alcuni analisti che iniziano a speculare che è possibile, anche se improbabile, che aumenti i tassi di interesse per la prima volta dall'inizio della pandemia.

"Riteniamo che il rischio maggiore sia che la dichiarazione del FOMC ritragga un'urgenza di agire presto, probabilmente a marzo, di fronte all'inflazione molto alta. L'urgenza potrebbe culminare in una decisione di interrompere bruscamente il quantitative easing entro metà febbraio", hanno detto gli analisti della Commonwealth Bank of Australia in una nota.

"Una dichiarazione rialzista e/o una fine più rapida del programma di QE potrebbe anche incoraggiare i mercati a valutare il rischio di un aumento dei tassi di 50 pb a marzo", hanno aggiunto, dicendo che pensano che questo porterebbe ad una reazione istintiva al rialzo del dollaro.

L'indice del dollaro, che misura il biglietto verde nei confronti di sei principali concorrenti, era stabile a 95,682 lunedì mattina.

Nell'agenda dei trader questa settimana c'è anche la riunione di gennaio della Bank of Canada, che si conclude poco prima della Fed, dove un aumento dei tassi è una possibilità, e i dati sull'inflazione australiana previsti per martedì, che guideranno la posizione della Reserve Bank of Australia alla sua riunione del mese prossimo.

Lunedì mattina il dollaro australiano era a 0,7180 dollari, il limite inferiore della sua gamma recente. La valuta favorevole al rischio è stata venduta alla fine della scorsa settimana, mentre i commercianti hanno scaricato beni come le azioni, così come beni ancora più rischiosi come le criptovalute.

Bitcoin era a 36.026 dollari, dopo essere sceso del 10% venerdì e scendendo fino a 34.000 dollari sabato, il suo livello più basso dal luglio 2021.

La più grande criptovaluta del mondo ha quasi dimezzato il suo valore dal suo picco record di 69.000 dollari raggiunto a novembre.

Il sell-off ha danneggiato la maggior parte dei beni digitali, e l'ether, la seconda criptovaluta più grande del mondo era a 2.516 dollari, avendo anche colpito il suo livello più basso da luglio, sabato, che era di 2.300 dollari.

I commercianti dicono che come gli investitori istituzionali aumentano la loro esposizione alle criptovalute, le loro mosse sono più strettamente correlate con altri asset di rischio.

Il Nasdaq Composite ha perso il 7,55% la scorsa settimana, la sua peggiore settimana da marzo 2020. [.N]

Tornando ai mercati valutari tradizionali, la sterlina era vicina al minimo di due settimane a 1,3551 dollari, e l'euro era a 1,1333 dollari.

Lo yen era all'estremità più forte della sua gamma recente, con un dollaro a 113,7 yen non lontano dal 113,47 toccato 10 giorni prima. Una caduta sotto questo livello sarebbe un minimo di cinque settimane per il dollaro.


© MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
BITCOIN (BTC/USD) 4.15%31296.1 Prezzo di chiusura.-34.44%
COMMONWEALTH BANK OF AUSTRALIA 1.03%103.33 Prezzo in differita.2.31%
HSBC HOLDINGS PLC -0.57%497.75 Prezzo in differita.11.12%
NASDAQ COMP. -0.88%11662.79 Prezzo in tempo reale.-24.54%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.00%63.875 Prezzo in differita.-13.93%
Ultime notizie "Economia & Forex"
16/05
RE
16/05
RE
16/05La Yellen presenterà i piani di sicurezza alimentare delle istituzioni internazionali alla riunione del G7
MR
16/05Il locatore di aeromobili SMBC acquisterà la rivale Goshawk in un'operazione da 6,7 miliardi di dollari.
MR
16/05Il direttore della banca centrale brasiliana non esclude altri aumenti dei tassi oltre giugno
MR
16/05FED: Williams non vede problemi su Treasury, avanti con inasprimento
DJ
16/05Gli importatori di grano in Asia si affannano a cercare rifornimenti dopo il divieto di esportazione dell'India
MR
16/05TOP STORIES ITALIA: Giovannini; bene piano Fs, contributo a sostenibilità
DJ
16/05TOP STORIES ITALIA: Mef, entrate tributarie e contributive +11,9% in 1* trim
DJ
16/05CRT..EURO: Bce, i tassi di riferimento odierni
DJ
Ultime notizie "Economia & Forex"