Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Gruppo MutuiOnline S.p.A
  6. Notizie
  7. Riassunto
    MOL   IT0004195308

GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A

(MOL)
  Rapporto
Tempo reale stimato Cboe Europe  -  17:15:54 06/02/2023
30.35 EUR   +0.43%
03/02Indici giù, focus sui PMI dei servizi
AN
02/02Europee rialziste dopo BCE; TIM in trend bullish
AN
01/02Il Gruppo MutuiOnline S.p.A (BIT:MOL) ha completato l'acquisizione di Rastreator.com Ltd e LeLynx SAS da Penguin Portals Limited e ZPG Comparison Services Holdings UK Limited.
CI
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Mutui: quello che funziona (Mi.Fi.)

21-11-2022 | 08:23

ROMA (MF-DJ)--In teoria non c'è che l'imbarazzo della scelta. Nella pratica invece, alla luce del repentino e consistente rialzo dei tassi di interesse, l'abbondante e variegata offerta di mutui sul mercato non fa che complicare la vita dei mutuatari, combattuti tra fisso, variabile, variabile con cap. E meno male che non sono ancora tornati i mutui misti e quelli a rata costante. La domanda, scrive MF-Milano Finanza, infatti è sempre la stessa: qual è il finanziamento più conveniente, oggi ma anche domani? Quale, se ho un mutuo già in essere, mi permette di imbrigliare la rata, e se possibile anche di limarla un pochino? "Anche se la risposta è naturalmente legata alla situazione di ciascuno, è comunque possibile fare subito un po' di conti", risponde Nicoletta Papucci, direttore generale broking del gruppo Mutuionline.

La scelta è tutto sommato libera per chi si accinge a comprare casa, e quindi non ha già un mutuo in corso né l'urgenza di calmierare una rata che cresce di giorno in giorno. Nel loro caso la scelta si riduce a due sole parole: risparmio o sicurezza? I mille conti che si possono fare, e che comunque dipendono dalle situazioni di ciascuno, trovano infatti risposta solo sulla base della propensione al rischio del mutuatario e nella sua capacità di far fronte nel tempo a probabili aumenti della rata, economicamente e psicologicamente. A bocce ferme infatti il mutuo a tasso variabile puro è sempre il meno costoso. Per un mutuo a 20 anni da 140 mila euro con un loan to value del 70% (quota finanziata rispetto al valore di perizia dell'immobile) il costo dei mutui a tasso variabile è sempre inferiore di un buon 20% rispetto a quello del tasso fisso, e anche rispetto ai variabili con cap, cioè con la protezione di un tasso massimo prefissato.

Guardando alle cinque migliori offerte presenti sul portale di Mutuionline, la rata oscilla tra 787 e 831 euro per i mutui a tasso fisso e da 713 e 923 euro per quelli con cap, contro l'intervallo 650-720 euro per il variabile, con un risparmio quindi di 100-150 euro rispetto al fisso e di almeno 70-100 euro rispetto al variabile con cap. Ma appunto, si tratta di una scommessa su quanto accadrà in futuro. "A giocare in favore del tasso fisso è il fatto che è probabile che i tassi salgano ancora ma anche che poi tornino a scendere. Di certo però non torneranno ai livelli del 2020-2021, a meno di nuove catastrofi come la pandemia", prosegue Papucci. "Inoltre, anche se molto più alti rispetto a un anno fa, i tassi fissi attuali sono ancora piuttosto convenienti, lontano dal 5-6% visto all'inizio dello scorso decennio. E qualora dovessero scendere ancora, si potrà sempre ricorrere alla surroga".

Ancora più tranchant in favore del tasso fisso è Angelo Spiezia, amministratore delegato di Telemutuo. "Ci troviamo in un periodo di assoluta incertezza sul fronte dell'economia in cui è difficile fare previsioni sul trend dei tassi nei mesi a venire. Da qui due considerazioni: da un lato, i mutui a tasso variabile risultano oggi troppo rischiosi per poter essere presi in considerazione, specie se si guarda ai picchi dell'Euribor nel 2008, in cui superò il 5,5%. Allo stesso tempo, vediamo delle criticità anche per quanto riguarda il mutuo a rata protetta".

Il mutuo variabile con cap è infatti più complesso e difficile da valutare. Consente di pagare meno rispetto al tasso fisso (ma comunque più del variabile puro perché la protezione aggiuntiva prevede ovviamente un costo, espresso dallo spread rispetto all'Euribor), ma per contro permette alla rata di salire ancora, fino al raggiungimento del cap. Fare un conto preciso è quindi molto difficile. Di sicuro però se il tasso iniziale non è troppo alto, e il cap supera di poco il tasso fisso corrente, il prodotto è in grado di fare ciò che promette, ovvero far risparmiare e fornire al contempo un'efficace protezione contro il rialzo dei saggi. Nonostante ciò, secondo Spiezia la soluzione ottimale in questo periodo resta il mutuo a tasso fisso. "Anche se più che triplicato rispetto a un anno fa, resta comunque inferiore ai livelli osservati ante 2010. Questo discorso vale soprattutto se si tiene conto dell'attuale contesto inflattivo: negli ultimi dieci anni i tassi fissi si sono mantenuti sempre al di sopra rispetto alla svalutazione del denaro, e solo negli ultimi mesi si ha una situazione inusuale che li vede nettamente inferiori all'11% cui si attesta oggi l'inflazione", conclude Spiezia.

Un po' diverse le valutazioni da fare per chi invece il mutuo ce l'ha già: ha già comprato casa e acceso un finanziamento a tasso variabile e ora si trova nella spiacevole situazione di vedere la rata salire di mese in mese. «Purtroppo in questo caso le possibilità di risparmiare rispetto alla situazione attuale sono di fatto inesistenti, a meno di non allungare la durata del mutuo di qualche anno, aumentando però in questo modo gli interessi complessivi pagati nel corso del finanziamento", spiega infatti Papucci. Surrogare il proprio mutuo a tasso variabile verso uno a tasso fisso o con cap comporta infatti in ogni caso un aumento della rata mensile. "A guidare la scelta devono essere quindi la propensione al rischio di ciascuno e soprattutto la capacità di sostenere eventuali ulteriori aumenti della rata", prosegue Papucci. "Ma con un'avvertenza: per chi si trova ancora nel prima parte della vita del mutuo, inferiore a un terzo, è senz' altro conveniente passare al fisso: la rata è un po' più alta, ma è garantita per il resto della durata del mutuo. Per gli altri invece un po' meno: il piano di ammortamento alla francese, comune a quasi tutti i mutui, prevede che il grosso degli interessi venga pagato nella prima parte della vita del finanziamento. Per fare un esempio, chi ha superato la prima metà della durata ha già pagato il 70% degli interessi, che diventano l'80% per chi ha superato i due terzi. La rata quindi è molto meno sensibile alle oscillazioni dei tassi, e quindi potrebbe non essere conveniente passare al fisso e spendere subito di più".

Che fare allora per calmierare la rata? Le maggiori chance le ha chi deve ancora comprare casa perché può ancora scegliere, "tenendo però presente che è meglio affrettarsi perché il rialzo dei tassi per ora non accenna a fermarsi", sottolinea Papucci, "al punto che le banche ormai aggiornano le condizioni ogni due settimane". Un primo modo per limare i costi è quindi sbrigarsi a comprare casa, magari sfruttando l'opzione offerta da alcune banche (Intesa Sanpaolo, Credit Agricole, Ing, Unicredit) di ottenere una predelibera, ovvero la certezza di ottenere il mutuo prima ancora di aver trovato l'immobile, e in alcuni casi anche di fissare le condizioni. Occhio poi alle banche più piccole oppure online, che stanno lanciando offerte molto competitive per aumentare la propria quota di mercato. Non a caso nella classifica delle più convenienti ai primi posti compaiono Bcc Milano, Webank, Banco di Desio, Banca Sella. Condizioni più convenienti offrono anche i mutui green, mentre un discorso a parte merita il mutuo giovani. E' stato rifinanziato con il Dl aiuti ter, ma solo per il mese di dicembre, quindi nessuna banca lo propone. La speranza è che il governo lo estenda al 2023, anche perché a tutt' oggi la fascia degli under 36 anni rappresenta oltre un terzo della domanda di nuovi mutui.

red

fine

MF-DJ NEWS

2108:21 nov 2022


(END) Dow Jones Newswires

November 21, 2022 02:22 ET (07:22 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A 0.26%30.3 Prezzo in differita.14.82%
ING GROEP N.V. -1.62%12.392 Prezzo in tempo reale.10.64%
INTESA SANPAOLO S.P.A. 2.27%2.438 Prezzo in differita.14.68%
SOPRA STERIA GROUP -0.86%161.8 Prezzo in tempo reale.15.58%
UNICREDIT S.P.A. 0.89%18.182 Prezzo in differita.35.76%
Tutte le notizie su GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A
03/02Indici giù, focus sui PMI dei servizi
AN
02/02Europee rialziste dopo BCE; TIM in trend bullish
AN
01/02Il Gruppo MutuiOnline S.p.A (BIT:MOL) ha completato l'a..
CI
31/01Gruppo MutuiOnline rileva azioni proprie per EUR110.000
AN
30/01Gruppo Mutuionline S P A: Aggiornamento sull'esecuzione del programma di acquisto azioni ..
PU
18/01Alma Ventures sale in MutuiOnline rilevando oltre 6.400 azioni
AN
16/01MutuiOnline ha acquistato oltre 8.200 azioni ordinarie proprie
AN
16/01Gruppo Mutuionline S P A: Aggiornamento sull'esecuzione del programma di acquisto azioni ..
PU
16/01Casa : MutuiOnline.it, in un anno aumento del 29% per mutui tasso fisso
DJ
09/01MutuiOnline, azionista Alma Ventures rileva altre 35.000 azioni
AN
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 313 M 340 M -
Risultato netto 2022 47,6 M 51,7 M -
Indebitamento netto 2022 187 M 203 M -
P/E ratio 2022 24,2x
Rendimento 2022 1,32%
Capitalizzazione 1 137 M 1 234 M -
VS / Fatturato 2022 4,23x
VS / Fatturato 2023 3,51x
N. di dipendenti 2 467
Flottante 62,3%
Grafico GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A
Durata : Periodo :
Gruppo MutuiOnline S.p.A: grafico analisi tecnica Gruppo MutuiOnline S.p.A | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaRialzistaNeutrale
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media Buy
Numero di analisti 2
Ultimo prezzo di chiusura 30,22 €
Prezzo obiettivo medio 33,90 €
Differenza / Target Medio 12,2%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Alessandro Fracassi Chief Executive Officer & Executive Director
Francesco Masciandaro CFO, Head-Administration & Control
Marco Pescarmona Executive Chairman
Giuseppe Spagoni Chief Technology Officer
Matteo Carlo de Brabant Independent Non-Executive Director
Settore e Concorrenza