Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Italia
  4. Borsa Italiana
  5. Intesa Sanpaolo S.p.A.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    ISP   IT0000072618

INTESA SANPAOLO S.P.A.

(ISP)
  Rapporto
Tempo reale stimato Tradegate  -  14:50 09/12/2022
2.048 EUR   -0.46%
14:37Intesa ha rimborsato 5,5 mld Tltro III Bce, ammontare residuo 96 mld
RE
14:32Borsa Milano in lieve rialzo, ma pochi volumi, bene Prysmian, Stm, venduta Stellantis
RE
13:40Intesa Sanpaolo : nuovo rimborso anticipato parziale Tltro
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Lukoil: Urso convoca 7 banche per salvare raffineria Priolo (Mess)

24-11-2022 | 09:43

ROMA (MF-DJ)--Il pressing del governo apre un piccolo spiraglio sulla vicenda della Lukoil-Isab di Priolo, anche se la strada per uno sblocco resta accidentata. Ieri pomeriggio dalla segreteria di Federico Eichberg, capo di gabinetto del ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit), secondo quanto ricostruito dal Messaggero, sono partite le convocazioni per una riunione domattina con le grandi banche italiane, da coinvolgere in un'operazione di sistema da 650-700 milioni, necessari per traghettare più avanti le raffinerie siciliane.

Al tavolo del Mimit invitate Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bpm, Mps, Cdp, Mcc, Sace. Questa riunione nasce a valle del quadrangolare del 18 novembre fra Mimit, Intesa Sp, Unicredit, Sace nel quale i due grandi istituti hanno messo un paio di condizioni tassative per prendere in considerazione un finanziamento ad hoc: la prima è che l'operazione sia di sistema, coinvolgendo in pool le grandi banche; la seconda reputazionale da realizzare attraverso un term sheet (documento puntato che delinei i termini e le condizioni materiali di un potenziale accordo) che tuteli gli istituti dal punto di vista tecnico-legale dalle conseguenze delle sanzioni.

Tutti gli Stati europei possono importare greggio dalla Russia fino al 5 dicembre, come stabilito dal sesto pacchetto di sanzioni. Su questo punto le compliance delle banche impartiscono istruzioni tassative alle direzioni crediti. Del resto, nel 2019 a Unicredit fu comminata dalle Autorità statunitensi una maxi-multa di oltre 1 miliardo per aver sostenuto le imprese italiane nei rapporti con l'Iran, paese sottoposto a sanzioni. Nel precedente incontro ristretto di una settimana fa su Lukoil, le due banche furono molto tassative.

La riunione allargata di domattina quasi sicuramente sarà interlocutoria. Al tavolo partecipano per la prima volta alcuni istituti come Bpm e B.Mps; altri come Mcc e Cdp erano stati sentiti. E comunque tutti avranno bisogno di tempo per l'istruttoria creditizia nei confronti di una controparte delicata. Poi ci sarà da mettere a punto la cintura di sicurezza legale per le protezioni dalle sanzioni e non sarà una cosa agevole.

Una terza condizione è che Sace abbia la possibilità di fornire una garanzia sul finanziamento del 100%, cioè totale rispetto al limiti del decreto Aiuti-ter che arriva fino all'80%. E per estendere la rete di sicurezza, il governo sarebbe intenzionato a varare un decreto o uno strumento ad hoc che permetta il paracadute completo.

E' evidente che l'eventuale prestito bancario garantito è un rimedio temporaneo per consentire alla Isab di andare avanti oltre il 5 dicembre, dopo che il 28 luglio arriverà l'ultimo carico. Nel frattempo il governo dovrà adoperarsi con la Commissione europea affinchè conceda la deroga rispetto all'inizio dei divieti e in parallelo costruire una soluzione strutturale e definitiva che faccia sopravvivere il complesso industriale siciliano dove operano due raffinerie, che producono il 25% del prodotto raffinato italiano, dando lavoro a 3 mila dipendenti, di cui un migliaio diretti, che diventano 10 mila posti del polo industriale di Siracusa. Il futuro può essere la nazionalizzazione oppure la vendita a un altro soggetto che allo stato non c'è ancora. Ma comprando tempo con il credito bancario, si può sperare.

vs

fine

MF-DJ NEWS

2409:41 nov 2022


(END) Dow Jones Newswires

November 24, 2022 03:42 ET (08:42 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
INTESA SANPAOLO S.P.A. -0.41%2.05 Prezzo in differita.-9.52%
SP CORPORATION LIMITED 0.00%1.58 Prezzo in differita.130.66%
UNICREDIT S.P.A. -2.20%12.302 Prezzo in differita.-7.34%
US DOLLAR / RUSSIAN ROUBLE (USD/RUB) 0.28%62.572 Prezzo in differita.-16.54%
Tutte le notizie su INTESA SANPAOLO S.P.A.
14:37Intesa ha rimborsato 5,5 mld Tltro III Bce, ammontare residuo 96 mld
RE
14:32Borsa Milano in lieve rialzo, ma pochi volumi, bene Prysmian, Stm, vendu..
RE
13:40Intesa Sanpaolo : nuovo rimborso anticipato parziale Tltro
DJ
11:02TOP STORIES ITALIA: accordo Italia/Gb/Giappone per nuovo Jet, Leonard..
DJ
10:51Zoppas Industries: finanziamento "Sustainability-Linked" da 180 mln
DJ
10:51Zoppas I.: presidente, dovere di tutte imprese perseguire obiettivi sostenibil..
DJ
09:55INTESA SANPAOLO S.P.A.: Credit Suisse conferma il giudizio Neutra..
MD
08:02Mercati: i dati macro italiani ed esteri di oggi
DJ
03:08La BCE aumenterà il tasso di deposito di 50 punti b..
MR
08/12TOP STORIES ITALIA: banche alla prova dell'Eba in vista della recessi..
DJ
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su INTESA SANPAOLO S.P.A.
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 21 207 M 22 366 M -
Risultato netto 2022 4 375 M 4 614 M -
Indebitamento netto 2022 - - -
P/E ratio 2022 9,18x
Rendimento 2022 7,71%
Capitalizzazione 37 603 M 39 657 M -
Capi. / Fatturato 2022 1,77x
Capi. / Fatturato 2023 1,64x
N. di dipendenti 95 554
Flottante 95,0%
Grafico INTESA SANPAOLO S.P.A.
Durata : Periodo :
Intesa Sanpaolo S.p.A.: grafico analisi tecnica Intesa Sanpaolo S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica INTESA SANPAOLO S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleRialzistaNeutrale
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media Buy
Numero di analisti 23
Ultimo prezzo di chiusura 2,06 €
Prezzo obiettivo medio 2,72 €
Differenza / Target Medio 32,2%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Carlo Messina Chief Executive Officer, MD & Director
Stefano del Punta Treasurer
Gian Maria Gros-Pietro Chairman
Massimo Proverbio Chief IT, Digital & Innovation Officer
Paola Angeletti Chief Operating Officer
Settore e Concorrenza