Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Germania
  4. Xetra
  5. BMW AG
  6. Notizie
  7. Riassunto
    BMW   DE0005190003

BMW AG

(BMW)
  Rapporto
Tempo differito Xetra  -  17:35 02/12/2022
85.26 EUR   +0.14%
01/12BMW: RBC ribadisce il giudizio Neutral
MD
01/12Unicredit: prima exit da Mosca (MF)
DJ
30/11Francia-Usa: Macron da Biden, focus su energia e Inflation Reduction Act
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietÓFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settoreAnalisi MarketScreener

Auto: Parigi spinge su incentivi autarchici (MF)

28-09-2022 | 09:07

ROMA (MF-DJ)--Stati Uniti, Cina e Unione europea si preparano alla guerra degli incentivi. Ieri, scrive Milano Finanza, il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha suggerito di riservare i sussidi all'acquisto alle auto elettriche prodotte in Ue, imitando la misura adottata poche settimane fa dall'amministrazione americana.

Potrebbe essere giunto «il momento di limitare i bonus ai veicoli elettrici prodotti sul territorio europeo o che rispettino rigorosamente i nuovi standard ambientali», ha sottolineato il braccio destro di Emmanuel Macron.

«Dobbiamo giocare con le stesse regole se vogliamo difendere le nostre industrie, i nostri posti di lavoro e la nostra tecnologia».

Il riferimento polemico di Le Maire è al programma di Biden per accelerare la transizione elettrica dell'auto a stelle e strisce. Il piano prevede fino a 7.500 dollari di incentivi per l'acquisto di vetture elettriche, ma lega l'ammontare dei sussidi ottenibili dai consumatori alla quota di produzione negli Usa. Più è alta la percentuale di materie prime, componenti e batterie fabbricati o assemblati nel Paese, maggiore è l'entità del sostegno pubblico per i clienti. La misura equipara alla produzione domestica quella realizzata in Paesi che beneficiano di trattati di libero scambio con Washington, ossia Messico e Canada. Ma esclude tutti gli altri, inclusi Ue, Giappone e Corea del Sud. Nei giorni scorsi le autorità statunitensi hanno pubblicato una lista di veicoli ammissibili agli incentivi già nel 2022 e di quelli che lo diventeranno nel 2023.

Nell'elenco figurano diversi modelli di Tesla, Rivian, Ford, Chrysler, Jeep (Stellantis) Hummer e Lincoln, nonché alcune auto a marchio Mercedes, Bmw, Nissan e Volvo. Risultano invece prevedibilmente esclusi veicoli assemblati in Europa come la Fiat 500 elettrica (Italia) o la gamma elettrificata di Peugeot, Opel, Volkswagen e Renault.

Pur mirando ad accelerare lo sviluppo di una filiera elettrica negli Usa e a ridurre la dipendenza dalla Cina, insomma, il piano protezionistiico di Biden rischia però di penalizzare anche l'alleato europeo e i tanti costruttori che dal Vecchio Continente esportano vetture in Nord America. Non a caso, il provvedimento è stato bollato immediatamente dalla Commissione Ue come «discriminatorio verso i produttori stranieri e a vantaggio di quelli statunitensi». Bruxelles ha minacciato un ricorso all'Organizzazione Mondiale del Commercio. Dalle dichiarazioni di Le Maire pare tuttavia desumersi che i governi europei non abbiano intenzione di attendere i tempi della giustizia internazionale.

Per il momento nessun Paese europeo ha adottato simili restrizioni all'accesso agli incentivi, ma la proposta francese potrebbe raccogliere consensi, anche nella nuova maggioranza italiana.

D'altronde, ancor prima degli Stati Uniti, la Cina ha adottato da tempo un sistema di incentivi premiante per i costruttori domestici e ha di recente alzato le barriere all'ingresso nel suo mercato auto, il primo al mondo. Un'eventuale guerra degli incentivi fra superpotenze rischia però di trasformarsi in un inferno produttivo per gruppi globali come Stellantis, Volkswagen e Ford. Nonostante i recenti sforzi di regionalizzazione, infatti, la catena produttiva dell'auto è la più globalizzata ed è pertanto molto vulnerabile, come ha dimostrato la crisi dei chip. Un'escalation delle tensioni geopolitiche potrebbe interrompere i canali di approvvigionamento di materie prime e componenti cruciali per le batterie elettriche.

alu

fine

MF-DJ NEWS

2809:05 set 2022


(END) Dow Jones Newswires

September 28, 2022 03:06 ET (07:06 GMT)

Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
AB VOLVO 0.24%193.5 Prezzo in differita.-7.70%
BMW AG 0.14%85.26 Prezzo in differita.-3.65%
RENAULT -1.11%34.6 Prezzo in tempo reale.13.28%
STELLANTIS N.V. -2.05%14.6 Prezzo in tempo reale.-12.46%
STELLANTIS N.V. -2.05%14.602 Prezzo in differita.-12.49%
TESLA, INC. 0.08%194.86 Prezzo in differita.-44.68%
VOLKSWAGEN AG -0.26%139.02 Prezzo in differita.-21.67%
Tutte le notizie su BMW AG
01/12BMW: RBC ribadisce il giudizio Neutral
MD
01/12Unicredit: prima exit da Mosca (MF)
DJ
30/11Francia-Usa: Macron da Biden, focus su energia e Inflation Reduction Act
DJ
25/11BMW prevede un investimento di 2,1 miliardi di dollari nello stabilimento di assemblagg..
MT
24/11BMW: Goldman Sachs è per il Buy
MD
22/11Industria: Macron convoca i colossi Ue (MF)
DJ
21/11Case auto cinesi puntano a aumentare vendite in Europa con Ev 'a cinque stelle'
RE
18/11Lancio di farina contro l'auto di Warhol nella protesta contro il cambiamento climatico..
MR
18/11Volkswagen, Audi e altri affrontano le accuse di aver utilizzato un software illegale p..
MT
17/11TOP STORIES ITALIA: Stellantis investe su guida autonoma e VW fa marc..
DJ
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su BMW AG
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 138 Mld 144 Mld -
Risultato netto 2022 16 285 M 17 075 M -
Liqui. netta 2022 24 074 M 25 243 M -
P/E ratio 2022 3,46x
Rendimento 2022 8,49%
Capitalizzazione 55 023 M 57 694 M -
VS / Fatturato 2022 0,22x
VS / Fatturato 2023 0,20x
N. di dipendenti 118 909
Flottante 57,3%
Grafico BMW AG
Durata : Periodo :
BMW AG: grafico analisi tecnica BMW AG | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica BMW AG
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaRialzistaNeutrale
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media ACCUMULATE
Numero di analisti 23
Ultimo prezzo di chiusura 85,26 €
Prezzo obiettivo medio 99,18 €
Differenza / Target Medio 16,3%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Oliver Zipse Senior VP-Corporate Planning & Product Strategy
Nicolas Peter Group Leader-Corporate Finance
Norbert Reithofer Chairman-Supervisory Board
Susanne Klatten Independent Member-Supervisory Board
Manfred Schoch Chairman-General Works Council
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
BMW AG-3.65%57 694
TOYOTA MOTOR CORPORATION-6.39%198 720
VOLKSWAGEN AG-21.67%86 975
MERCEDES-BENZ GROUP AG-5.18%71 895
GENERAL MOTORS COMPANY-31.95%56 686
FORD MOTOR COMPANY-32.21%55 724