Login
E-mail
Password
Mostra password
Ricorda
Password dimenticata?
Iscriviti gratuitamente
Registrazione
Registrazione
Parametri
Parametri
Quotazioni dinamiche 
OFFON

RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.

(RAD)
Prezzo in differita. Tempo differito Borsa Italiana - 27/01 17:35:49
1.61 EUR   +2.88%
20/01GRUPPO HERA: per 13esimo anno consecutivo è Top Employer Italia
DJ
17/01ECONOMIA: quel Patto va cambiato così (Mi.Fi.) -2-
DJ
17/01ECONOMIA: quel Patto va cambiato così (Mi.Fi.)
DJ
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingAgendaSocietąFinanzaConsensusRevisioniDerivati 
RiassuntoTutte le notizieAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Cile : due politici anti-establishment al ballottagggio per presidenza

22-11-2021 | 10:35

MILANO (MF-DJ)--Due politici anti-establishment di opposti schieramenti sono arrivati al ballottaggio per la presidenza del Cile, aggravando l'instabilità politica nel Paese più ricco dell'America Latina.

Il primo turno delle elezioni ieri ha posto fine al sistema politico centrista che negli ultimi trent'anni ha reso il Cile un modello globale per il libero scambio e una calamita per gli investimenti stranieri, riducendo al contempo la povertà.

Josè Antonio Kast, un conservatore di 55 anni che ha difeso la dittatura militare del generale Augusto Pinochet e si impegna a reprimere le proteste violente e la criminalità, è arrivato primo con il 28% delle preferenze, secondo il consiglio elettorale.

Ora dovrà affrontare Gabriel Boric, un 35enne di sinistra che vuole demolire il modello del libero mercato cileno, nel ballottaggio del 19 dicembre. Boric ha ottenuto il 26% dei voti mentre i due candidati centristi che offrivano continuità al Cile sono stati messi da parte. I due favoriti hanno chiuso lontano dal 50% dei voti necessari per vincere al primo turno.

"Questo è lo scenario peggiore per il Cile", ha detto Rodrigo Silva, un pensionato di 69 anni che ieri ha votato per un candidato centrista, spiegando che "non abbiamo bisogno di estremisti. Non voglio vivere con la polarizzazione che abbiamo affrontato 50 anni fa".

I cileni hanno anche votato per la metà dei seggi al Senato e per tutti i seggi alla Camera bassa. Il 13% degli elettori che hanno sostenuto il candidato arrivato terzo, Franco Parisi, sarà decisivo nel ballottaggio, ha affermato Patricio Navia, politologo cileno della New York University.

Parisi, un outsider politico, sostiene l'economia di mercato ma si è scagliato contro le élite degli affari del Cile, incolpandole di non consentire ai cileni di beneficiare del sistema. Ha ottenuto il sostegno degli elettori arrabbiati con l'establishment politico ma che non appoggiano l'estrema sinistra, ha detto Navia, aggiungendo che "penso che Kast abbia un vantaggio iniziale".

L'elezione fa eco alla polarizzazione che ha messo radici dagli Stati Uniti al Brasile, dal Messico all'India, Paesi in cui la rabbia contro la classe politica dominante ha aperto la porta ai populisti.

In Cile, il divario politico ha scosso un Paese che si è distinto per la stabilità nell'instabile America Latina. "Questa è sicuramente la fine del periodo che conoscevamo di una specie di Cile noioso, sia economicamente che politicamente", ha affermato Roberto Funk, politologo presso l'Università del Cile, sottolineando che stiamo entrando in un periodo molto meno stabile".

Le elezioni hanno aumentato l'incertezza sul futuro del più grande produttore mondiale di rame, dove decenni di prudenza fiscale e apertura al commercio estero e agli investimenti hanno permesso alla classe media di guadagnare milioni, riducendo la povertà dal 45% della popolazione all'8%. Quel successo, soprannominato dagli economisti il miracolo cileno, è stato guidato da leader centristi come Patricio Aylwin, che ha portato il Cile verso la democrazia e, più recentemente, moderati come Michelle Bachelet e Sebastián Pinera.

Ma la pandemia di coronavirus ha ucciso più di 38.000 persone in Cile, ha causato una contrazione dell'economia del 6% e ha aumentato la povertà. Il valore del peso è sceso del 14% rispetto al dollaro quest'anno, uno dei maggiori cali tra le valute dei mercati emergenti.

"La comunità imprenditoriale è estremamente preoccupata per le prossime elezioni", ha affermato Ricardo Escobar, ex capo dell'agenzia fiscale del Cile il cui studio legale nella capitale, Santiago, lavora con gli imprenditori. "In questo momento stanno togliendo il maggior numero possibile di risorse dal Cile", ha spiegato.

Boric e Kast hanno programmi molto diversi per il Cile, dove è scoppiato un contraccolpo contro la classe politica tradizionale durante le proteste di massa alla fine del 2019 contro le pensioni basse e la scarsa assistenza sanitaria. Le proteste hanno portato il presidente Sebastián Pinera a lanciare un processo per riscrivere la Costituzione dell'era della dittatura.

Boric, un membro del Congresso che quest'anno ha compiuto 35 anni ha raggiunto l'età minima per candidarsi alla presidenza, chiede di aumentare le tasse per aumentare la spesa per la sanità e l'istruzione. Figlio di un ingegnere di una compagnia petrolifera cresciuto in una piccola città nella regione meridionale della Patagonia, sostiene lo smantellamento del sistema pensionistico privato, l'assistenza sanitaria universale e la legalizzazione dell'aborto.

Kast, padre di nove figli, dice che difenderà il modello economico messo in atto durante la dittatura del 1973-1990 e sancito dall'attuale Costituzione. Con l'obiettivo di arginare la criminalità, ha promesso di riportare l'ordine in una Nazione scossa dalle violente proteste del 2019, che hanno causato circa 30 morti.

Alleato del presidente brasiliano Jair Bolsonaro, Kast ha promesso un giro di vite sull'immigrazione con proposte come la costruzione di fossati al confine settentrionale del Paese per impedire alle persone di entrare in Cile. Sostiene l'uso dell'Esercito per porre fine alla disputa tra comunità indigene, proprietari terrieri bianchi e aziende forestali nel sud del Cile che ha portato a spargimenti di sangue. "Il 19 dicembre, il Cile deve scegliere tra libertà e comunismo", ha detto Kast ieri di fronte ai propri sostenitori.

Gli elettori hanno espresso il loro voto mentre l'economia del Cile è in forte espansione e il peggio della pandemia sembra essere passato. Il Fondo Monetario Internazionale prevede una crescita dell'11% quest'anno, una delle espansioni più rapide al mondo. Gli economisti dicono però che tale crescita è temporanea.

I cileni affermano di aspettarsi tempi duri, indipendentemente da chi sarà eletto. Mentre alcuni elettori si preoccupano dei piani economici di Boric, si aspettano anche che Kast, che è arrivato quarto alle elezioni del 2017, faticherà a governare poiché probabilmente dovrà affrontare un congresso controllato dalla sinistra e dalle proteste di piazza.

cos

(END) Dow Jones Newswires

November 22, 2021 04:34 ET (09:34 GMT)

Tutte le notizie su RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.
20/01GRUPPO HERA: per 13esimo anno consecutivo è Top Employer Italia
DJ
17/01ECONOMIA: quel Patto va cambiato così (Mi.Fi.) -2-
DJ
17/01ECONOMIA: quel Patto va cambiato così (Mi.Fi.)
DJ
14/01COOPERATIVA ASSEGNATARI ASSOCIATI AR: eletto nuovo CdA
DJ
03/01IVECO: ceo, radici importanti ma guardiamo a mercato globale
DJ
03/01IVECO: ceo; iniziamo nuovo capitolo, pronti a sfide
DJ
2021MILANO: Sant'Ambroeus ceduto per 3,15 milioni (MF)
DJ
2021TOP STORIES ITALIA: C.Conti, giá in 1* trim 2022 Pil a livelli pre-crisi
DJ
2021MSC: offre 6 mld a Bolloré per Africa Logistics (Stampa)
DJ
2021ATMOSFERA#5: City lights
PU
Pił notizie
Dati finanziari
Fatturato 2021 47,4 M 52,8 M -
Risultato netto 2021 -1,41 M -1,57 M -
Indebitamento netto 2021 18,9 M 21,1 M -
P/E ratio 2021 -9,47x
Rendimento 2021 -
Capitalizzazione 14,0 M 15,7 M -
VS / Fatturato 2021 0,70x
VS / Fatturato 2022 0,58x
N. di dipendenti 225
Flottante -
Grafico RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.
Durata : Periodo :
Radici Pietro Industries & Brands S.p.A.: grafico analisi tecnica Radici Pietro Industries & Brands S.p.A. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica RADICI PIETRO INDUSTRIES & BRANDS S.P.A.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendNeutraleNeutraleRibassista
Evoluzione del Conto di Risultati
Consensus
Vendita
Acquisto
Raccomandazione media Comprare
Numero di analisti 2
Ultimo prezzo di chiusura 1,61 €
Prezzo obiettivo medio 2,16 €
Differenza / Target Medio 34,2%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Ivan Palazzi Chief Executive Officer & Director
Marco Antonio Radici Chairman
Sergio Patriarca Independent Director
Giovanni Battista Natali Non-Executive Director
Aineta Mery Stephens Sifontes Non-Executive Director