Accedi
Accedi
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
Registrati
Oppure accedi con
GoogleGoogle
Twitter Twitter
Facebook Facebook
Apple Apple     
  1. Home
  2. Azioni
  3. Stati Uniti
  4. Nasdaq
  5. Adobe Inc.
  6. Notizie
  7. Riassunto
    ADBE   US00724F1012

ADOBE INC.

(ADBE)
  Rapporto
Tempo reale stimato Cboe BZX  -  13:37 09/12/2022
338.08 USD   +1.65%
08/12I prezzi dei beni online negli Stati Uniti scendono in un segnale positivo per la Fed - Adobe
MR
07/12Adobe Systems taglia posti di lavoro nel contesto di una tendenza più ampia nel settore tecnologico
MT
06/12Insider Sell: Adobe
MT
RiassuntoQuotazioniGraficiNotizieRatingCalendarioSocietàFinanzaConsensusRevisioniDerivatiFondi 
RiassuntoTutte le notizieRaccomandazione analistiAltre lingueComunicati stampaPubblicazioni ufficialiNotizie del settore

Il dealmaking globale crolla mentre il mercato dei finanziamenti tocca il fondo

30-09-2022 | 09:04
Illustration shows figurines in front of Adobe logo

L'M&A globale si è ridotto per il terzo trimestre consecutivo, poiché l'aumento dei tassi d'interesse ha costretto i finanziatori a ritirarsi dal finanziamento di grandi operazioni e l'impennata del dollaro non è riuscita a spronare le aziende statunitensi ad accaparrarsi obiettivi stranieri in mezzo alle persistenti tensioni geopolitiche.

Un forte calo delle grandi acquisizioni di private-equity ha contribuito al rallentamento del dealmaking globale, con l'attività del terzo trimestre che è scesa del 54% a 716,62 miliardi di dollari da 1,56 trilioni di dollari nello stesso periodo dell'anno scorso, secondo i dati di Dealogic.

I dealmaker stanno affrontando una resistenza quando propongono le operazioni ai loro clienti, poiché i volumi annuali hanno perso finora il 33%, con 2,97 trilioni di dollari di operazioni annunciate quest'anno.

"Il backup nel mercato dei finanziamenti a leva, insieme all'allungamento dei tempi di revisione normativa per molte transazioni, ha avuto un impatto sul dealmaking", ha dichiarato Cary Kochman, co-responsabile globale di M&A presso Citigroup Inc.

I volumi di M&A negli Stati Uniti sono crollati di quasi il 63% nel terzo trimestre, raggiungendo i 255,89 miliardi di dollari, poiché l'aumento del costo del debito ha costretto le aziende a rimandare la ricerca di acquisizioni trasformative.

Afflitta da un'inflazione vertiginosa, l'attività M&A europea ha subito una contrazione del 42% nel terzo trimestre, mentre l'Asia-Pacifico è scesa del 52%, secondo Dealogic.

"Nei mercati odierni, la maggior parte delle banche non si sente a proprio agio nel sottoscrivere un pacchetto di finanziamenti da 3 a 4 miliardi di euro per un'operazione di private equity in Europa", ha dichiarato Guillermo Baygual, co-responsabile della divisione M&A EMEA di JPMorgan.

"Per concludere le operazioni ci vuole molto più tempo. L'attenzione si concentra esclusivamente su attività di alta qualità, soprattutto in settori resilienti come le infrastrutture", ha affermato.

Le banche di Wall Street hanno dovuto digerire una perdita di circa 700 milioni di dollari legata alla sottoscrizione del leveraged buyout di 16,5 miliardi di dollari di Citrix.

Quest'anno, con il deteriorarsi dell'ambiente per il dealmaking, un certo numero di acquirenti aziendali ha scelto di abbandonare i precedenti accordi di stretta di mano, mentre altri hanno posticipato del tutto le grandi acquisizioni.

"Non credo che abbiamo ancora toccato il fondo. Il mercato di oggi è un po' ovunque e le persone sono ancora un po' spaventate", ha dichiarato Melissa Sawyer, responsabile globale del gruppo M&A di Sullivan & Cromwell LLP.

Tuttavia, nel corso del trimestre sono state firmate alcune grandi operazioni.

Tra le transazioni degne di nota, l'acquisizione da 20 miliardi di dollari da parte di Adobe Inc. dell'azienda di software per il design Figma e l'operazione di take-private da 14 miliardi di dollari di Oak Street per il fondo di investimento immobiliare Store Capital Corp.

In Gran Bretagna - dove il 26 settembre la sterlina è crollata ai minimi storici rispetto al dollaro - la proposta di acquisizione da 9,5 miliardi di sterline della società di software britannica Aveva da parte di Schneider Electric è stato un raro tentativo di ravvivare l'attività nel più grande mercato M&A d'Europa.

Per un grafico interattivo, clicchi qui: https://tmsnrt.rs/3SHgjk5

DISLOCAZIONE DELLA VALUTA

Sebbene le valutazioni siano in ribasso, gli acquirenti statunitensi hanno finora assunto una posizione cauta nel concludere operazioni all'estero e nel fare scommesse guidate dalla valuta, tra le preoccupazioni per la guerra in Ucraina e la crisi energetica dell'Europa.

"La dislocazione delle valute può creare opportunismo. Ma se siete un acquirente statunitense, dovete anche considerare la tesi della creazione di valore a lungo termine e in questo momento non otterrete alcun rialzo dagli utili in sterline dell'obiettivo, che sono stati indeboliti dalle ultime fluttuazioni valutarie", ha dichiarato Dwayne Lysaght, co-responsabile M&A EMEA di JPMorgan.

La fiducia delle aziende nel fatto che i mercati siano favorevoli alle transazioni - ampiamente considerata come l'indicatore principale per l'attività di M&A - è crollata a causa dell'incombere di una recessione di lunga durata.

"C'è un'intera generazione di persone che non ha mai visto i tassi di interesse salire così precipitosamente e nessuno sa davvero dove si fermerà. Questo potrebbe avere un impatto enorme, non solo sulle valutazioni, ma anche sull'economia sottostante", ha dichiarato Matthew Abbott, co-presidente globale del gruppo M&A presso Paul, Weiss, Rifkind, Wharton & Garrison LLP.

In futuro, i dealmaker si aspettano un maggior numero di legami nazionali, per lo più finanziati da azioni, per aiutare le aziende a resistere alla tempesta.

"Come reazione alle pressioni macroeconomiche, si prenderanno sicuramente in considerazione alcune grandi fusioni per azioni, come modo per ottenere efficienze e affrontare la lenta crescita della linea superiore e l'inflazione nella base dei costi. La motivazione delle fusioni si baserà sulla capacità di eliminare i costi e di affrontare le sovrapposizioni operative", ha dichiarato Derek Shakespeare, presidente della divisione M&A EMEA di Deutsche Bank.

Nel frattempo, alcune aziende potrebbero perseguire accordi ostili se i consigli di amministrazione non sono disposti a giocare la palla.

"Sul versante dell'M&A pubblico, (le iniziative proattive) potrebbero portare a un'attività più aggressiva o ostile, in cui gli acquirenti non accettano un no come risposta e decidono di rivolgersi direttamente agli azionisti", ha dichiarato Marc-Anthony Hourihan, co-responsabile globale M&A di UBS.

Tuttavia, le operazioni devono passare attraverso un periodo di gestazione più lungo a causa dell'aumento del controllo antitrust, soprattutto in settori come il Big Tech.

Le lunghe revisioni normative hanno spinto gli acquirenti a offrire le cosiddette commissioni di rottura inversa, che dovrebbero pagare se non riuscissero a concludere l'affare.

"Le commissioni di rottura inversa sono una tecnica contrattuale che stiamo utilizzando per aiutare le persone a superare la paura di risultati stravaganti e imprevedibili da parte delle autorità di regolamentazione", ha detto Sawyer di Sullivan & Cromwell. (1 dollaro = 0,9033 sterline)


© MarketScreener con Reuters 2022
Titoli citati nell'articolo
Variaz.UltimoVar. 1gen
ADOBE INC. 1.81%332.58 Prezzo in differita.-42.39%
AUSTRALIAN DOLLAR / BRITISH POUND (AUD/GBP) -0.17%0.5526 Prezzo in differita.2.68%
AVEVA GROUP PLC 0.09%3200 Prezzo in differita.-6.05%
BRITISH POUND / AUSTRALIAN DOLLAR (GBP/AUD) 0.19%1.80889 Prezzo in differita.-2.59%
BRITISH POUND / CANADIAN DOLLAR (GBP/CAD) 0.39%1.67031 Prezzo in differita.-2.50%
BRITISH POUND / JAPANESE YEN (GBP/JPY) -0.26%166.726 Prezzo in differita.6.91%
BRITISH POUND / NEW ZEALAND DOLLAR (GBP/NZD) -0.04%1.91763 Prezzo in differita.-2.83%
BRITISH POUND / SWISS FRANC (GBP/CHF) -0.04%1.14486 Prezzo in differita.-7.02%
BRITISH POUND / US DOLLAR (GBP/USD) 0.32%1.22763 Prezzo in differita.-9.76%
CANADIAN DOLLAR / BRITISH POUND (CAD/GBP) -0.37%0.598788 Prezzo in differita.2.56%
CARY GROUP HOLDING AB (PUBL) 5.63%76.05 Prezzo di chiusura.-29.06%
CITIGROUP INC. 0.04%44.69 Prezzo in differita.-26.03%
DEUTSCHE BANK AG 0.00%10.018 Prezzo in differita.-9.04%
EURO / BRITISH POUND (EUR/GBP) -0.29%0.86027 Prezzo in differita.2.46%
INDIAN RUPEE / BRITISH POUND (INR/GBP) -0.24%0.009908 Prezzo in differita.0.40%
SCHNEIDER ELECTRIC SE 1.38%138 Prezzo in tempo reale.-21.09%
STORE CAPITAL CORPORATION -0.09%31.97 Prezzo in differita.-7.06%
UBS GROUP AG -0.24%16.945 Prezzo in differita.3.56%
US DOLLAR / BRITISH POUND (USD/GBP) -0.32%0.81471 Prezzo in differita.10.81%
Tutte le notizie su ADOBE INC.
08/12I prezzi dei beni online negli Stati Uniti scendono in un segnale positivo per la Fed -..
MR
07/12Adobe Systems taglia posti di lavoro nel contesto di una tendenza più ampia nel settore..
MT
06/12Insider Sell: Adobe
MT
30/11Imprese: colossi WebSoft, in primi nove mesi 2022 crescono solo ricavi
DJ
29/11Analisi - La ripresa delle vendite della 'Cyber Week' negli Stati Uniti batte il guadag..
MR
29/11Shopify riporta vendite record per il fine settimana del Black Friday-Cyber Monday
MT
29/11Il Cyber Monday fa registrare un record di vendite grazie agli acquisti di giocattoli, ..
MR
29/11Commerzbank sulle notizie della notte
MT
28/11Le proteste della Cina scatenano preoccupazioni per l'approvvigionamento, pesando sulle..
MT
28/11Le proteste della Cina COVID scatenano preoccupazioni sulla catena di approvvigionament..
MT
Altre news
Raccomandazioni degli analisti su ADOBE INC.
Altre raccomandazioni
Dati finanziari
Fatturato 2022 17 612 M - 16 699 M
Risultato netto 2022 4 732 M - 4 487 M
Liqui. netta 2022 2 483 M - 2 354 M
P/E ratio 2022 33,1x
Rendimento 2022 -
Capitalizzazione 155 Mld 155 Mld 147 Mld
VS / Fatturato 2022 8,64x
VS / Fatturato 2023 7,80x
N. di dipendenti 25 988
Flottante 77,4%
Grafico ADOBE INC.
Durata : Periodo :
Adobe Inc.: grafico analisi tecnica Adobe Inc. | MarketScreener
Grafico a schermo intero
Trend analisi tecnica ADOBE INC.
Breve TermineMedio TermineLungo Termine
TrendRialzistaRibassistaRibassista
Evoluzione del Conto dei Risultati
Consensus
Vendita
Buy
Raccomandazione media ACCUMULATE
Numero di analisti 32
Ultimo prezzo di chiusura 332,58 $
Prezzo obiettivo medio 371,18 $
Differenza / Target Medio 11,6%
Revisioni EPS
Dirigenti e Amministratori
Shantanu Narayen Chairman, President & Chief Executive Officer
Daniel J. Durn CFO, EVP-Finance, Technology Services & Operations
Cynthia A. Stoddard Chief Information Officer & Senior Vice President
Mark S. Garfield Chief Accounting Officer, Controller & SVP
John E. Warnock Chief Executive Officer
Settore e Concorrenza
Var. 1genCapi. (M$)
ADOBE INC.-42.39%154 616
ROPER TECHNOLOGIES, INC.-11.84%45 987
WORKDAY INC.-38.02%43 520
AUTODESK, INC.-30.07%42 426
ELECTRONIC ARTS INC.-4.47%34 816
DATADOG, INC.-58.44%23 506